Questo sito si avvale di cookie tecnici, di cookie analitici e di altri cookie, anche di terze parti, necessari per il funzionamento, per interagire con social network e per usufruire di servizi offerti dal sito. Chiudendo questo banner o accedendo a un'altra pagina del sito acconsenti all’uso dei cookie. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Per saperne di piu'

Approvo

Ultimi post

  • Martedì 30 appuntamento con l'ultimo corso per imparare a preparare prodotti per la pulizia a partire da ingredienti naturali: parliamo di detergenti naturali per la casa! Prenotazione obbligatoria.
    Leggi tutto

  • #savethedate Per gli appassionati della storia di Udine, la passeggiata in città alla scoperta delle stratificazioni storiche è un appuntamento che riserva grandi sorprese.
    Leggi tutto

  • È partito da Udine e oggi collabora con Le Monde e The New Yorker: per conoscere l'illustratore Manuele Fior in arrivo due incontri il 26 e 27 maggio!
    Leggi tutto

  • Giovedì 1 Giugno 2017 alle ore 17.30, nella prestigiosa cornice di Casa Cavazzini, Giovanni Gaggia presenta il libro Inventarium edito da Maretti Editore. Inventarium, a cura di Serena Ribaudo /poesie di Davide Quadrio, è una meditazione sul senso di memoria viva in cui il dolore si affranca dalla contingenza della tragica fatalità e trasfigura nei sentimenti di vita, di resistenza, di resilienza. Inventarium è un progetto di Giovanni Gaggia, nato nella mente dell’artista marchigiano nel 2010 ma che è maturato e portato a compimento nell’anno 2015. Inventarium ha visto il suo primo passaggio a Palermo: Spazio Canto 217, sito nella fascinosa Cavallerizza di Palazzo Costantino-Di Napoli, ha ospitato dal 27 Febbraio al 22 Aprile 2015, la mostra personale di Gaggia. Scrive Serena Ribaudo: “Inventarium come inventario ovvero lista, elenco. Inventarium come “storia di parole e di cose, parole come cose. Prove, testimonianze. Trovate, enumerate, registrate. Sommerse e salvate, archiviate”. E’ dalle fondamentali pagine del Libro della Memoria che Giovanni Gaggia, la cui ricerca artistica si dispiega in una molteplicità di espressioni, diparte per la strutturazione di questa sua “grammatica della memoria”, generando connessioni di persone, cose, pensieri. “Le cose, testimonianze della vita delle persone. Gli oggetti sono tracce. Segni di una presenza. Impronte. Gli utensili, il valore d’uso delle cose”. Gli oggetti del vissuto riemergono prepotentemente per trasfigurare in icone sacre ed inattingibili, monumenti alla meditazione sugli umani destini”. Nello stesso clima di sospensione si è inserita la performance di Giovanni Gaggia il quale ha iniziato il suo evento poietico e performativo a Palermo per completarlo simbolicamente a Bologna, città da cui è partito il volo della morte: nella Gallleriapiù (Oltredimore) è stata portata a termine l’incompiuta di Gaggia nel giorno del 35° anniversario della Strage. Diremmo quasi un’inversione di rotta dove Palermo è divenuta il trampolino di lancio della speranza: invece di tragica destinazione di non-arrivo, la città siciliana è stata luogo di partenza per un’opera che ha visto il suo completamento nella galleria bolognese diretta da Veronica Veronesi. Il libro Inventarium si pregia di una raccolta di versi inediti di Davide Quadrio. Come scrive lo stesso Quadrio: “Questi canti, poesie, o meglio nenie, fanno parte di un esercizio terapeutico che mi ha accompagnato -sempre in volo o su un mezzo di trasporto- negli anni 2006-2008. In volo, seduto tra sconosciuti in una bolla spazio-temporale, i pensieri si solidificano e decadono in frammenti-parole. In tale condizione psicologica di attesa forzata, meditativa, la parola scritta si risolve, si evolve e lascia tracce. Di questa raccolta mai pubblicata, e che è stata terminata pochi giorni prima della morte di mia madre, ho estratto alcuni versi che secondo me si addicono particolarmente all’occasione e che, per giusta apposizione, completano e espandono il lavoro di Giovanni Gaggia, al centro di questo progetto”. Inventarium si avvale inoltre di un testo dell’On. Daria Bonfietti, Presidente dell’Associazione Parenti delle Vittime della Strage di Ustica, da sempre vicina al progetto, e della commovente Testimonianza di Fortuna Piricò vedova Davì. Interverranno: Giovanni Gaggia, artista; Serena Ribaudo, storico dell’arte; Daniele Capra, curatore d'arte contemporanea; Giovanni Gaggia.
    Leggi tutto

  • Anche voi, sfogliando i quotidiani di oggi del gruppo Espresso nel Nordest, avete trovato qualcosa di familiare? #comingsoon #udinestate ai Civici Musei
    Leggi tutto

Museo friulano di Storia Naturale - Bello saperlo Coenonympha oedippus - Lepidottero presente nell'area delle risorgive friulanetutelato dalla normativa europea Erucastrum palustre - Foglio di erbario con Erucastrum palustrepianta endemica del Friuli Cristallo di gesso - Cristallo di gesso proveniente dalla miniera di RaiblTarvisio - Udine Statuina Neolitico - Statuina proveniente dal sito Neolitico di SammardenchiaPozzuolo del Friuli - Udine Anellone Neolitico - Anellone in pietra verde proveniente dal sito Neolitico di SammardenchiaPozzuolo del Friuli_Udine

Museo friulano di Storia Naturale

Bello saperlo

Coenonympha oedippus

Lepidottero presente nell'area delle risorgive friulane
tutelato dalla normativa europea

Erucastrum palustre

Foglio di erbario con Erucastrum palustre
pianta endemica del Friuli

Cristallo di gesso

Cristallo di gesso proveniente dalla miniera di Raibl
Tarvisio - Udine

Statuina Neolitico

Statuina proveniente dal sito Neolitico di Sammardenchia
Pozzuolo del Friuli - Udine

Anellone Neolitico

Anellone in pietra verde proveniente dal sito Neolitico di Sammardenchia
Pozzuolo del Friuli_Udine

Museo friulano di storia naturale

Il Museo Friulano di Storia Naturale, attualmente chiuso al pubblico, conserva importanti collezioni naturalistiche con oltre un milione di reperti, vero compendio della storia naturale del Friuli. Il materiale conservato è oggetto di studio continuo da parte degli operatori del Museo e di specialisti nelle varie discipline naturalistiche e in quest’ottica vengono mantenuti costanti rapporti di collaborazione e contatti con studiosi, Istituzioni ed Università, sia italiani che stranieri.

Dopo molti anni finalmente è stata individuata una sede espositiva, lex macello, che permetterà di riavviare le attività didattiche e programmare lallestimento. Il Museo potrà così divenire un centro di attrazione culturale e turistica, ma anche di scienza e innovazione.


La sede

La sede del Museo Friulano di Storia Naturale è stata individuata nellex- macello comunale, una serie di edifici di 5000 mq. Sono stati già individuati gli spazi indicandone la destinazione duso e gli edifici del primo lotto, già ristrutturati, accolgono nel 2016 i primi settori del museo. Il progetto si coordina con gli elaborati redatti in precedenza e, in particolare, con il progetto culturale del museo.

Esposizioni scientifiche permanenti e temporanee, realizzate con percorsi e narrazioni attente a creare connessioni tra discipline e saperi diversi, saranno rivolte alla creazione di una consapevolezza della biodiversità come patrimonio specifico del Friuli e condiviso con i Paesi confinanti.

Si farà poi in modo che i temi naturalistici vengano comunicati con una visione che ne evidenzi gli intrecci con quelli legati alle scienze fisiche, alle applicazioni tecnologiche, allambiente, alla società e a una cultura dimpronta europea.

Il progetto prevede, in questa prima fase, un forte impegno anche nel settore educativo con iniziative rivolte alla formazione permanente, non solo in ambito scolastico.


Percorsi

01.COLLEZIONI

Le collezioni sono organizzate nelle seguenti sezioni.

Sezione Mineralogica e Petrografica

15.000 fra minerali e rocce
Di particolare rilevanza le collezioni di minerali provenienti dalle miniere friulane e la collezione stratigrafica Gortani.

Sezione Geo-Paleontologica

120.000 fossili
Oltre alle collezioni storiche vanno citati i reperti di vertebrati triassici (in particolare i più antichi rettili volanti noti alla scienza) oggetto di interesse da parte di studiosi di tutto il mondo, i vegetali del Permo-Carbonifero, le faune paleozoiche, i pesci cretacici, gli ammonoidi triassici, ecc. Comprende anche collezioni storiche.

Sezione Paletnologica ed Antropologica

150.000 fra reperti ossei e di cultura materiale
Oltre ai reperti delle collezioni storiche, vanno citati i materiali provenienti dagli scavi del Museo nel sito di Biarzo e in quello di Sammardenchia (fra i quali anche alcune venerine) e di Piancada (con una sepoltura).

Sezione Botanica

150.000 campioni derbario
Di pregio gli erbari storici presenti (i più antichi sono del 700 ed i fogli sono ordinati secondo una classificazione pre-Linneana), mentre quelli aperti rappresentano una ricca documentazione sulla storia vegetale del nostro territorio.

Sezione Zoologica, Vertebrati ed Invertebrati

17.000 Vertebrati e 585.000 Invertebrati
Documentazione unica della biodiversità del territorio friulano, le Collezioni Zoologiche del Museo (costituite sia da nuclei storici che da collezioni aperte a continui incrementi) sono importanti sia dal punto di vista storico che scientifico, comprendendo, fra laltro, numerosi tipi.

Percorsi

02.SCIENCE CENTER

All’interno della nuova progettualità museale trova spazio anche la realizzazione di uno Science Center, uno strumento moderno di lettura del territorio e del contemporaneo. Il tutto si concretizzerà sia con una costante “contaminazione” del settore espositivo più prettamente naturalistico con postazioni hands-on, apparati multimediali e 3D che aiutino (facilitandola) la comprensione di alcuni fenomeni naturali, sia con la realizzazione (in parte già avviata), in uno spazio già disponibile nell’edificio 8 (cec5), di un settore hands-on dedicato a scienza e tecnologia completato da un'area giochi scientifico-naturalistici per i più piccoli.

Una serie di giochi interattivi anche a base naturalistica: la comunicazione attraverso gioco, manipolazione, interattività è più efficace, e sollecita l’attenzione di un visitatore.

Location da vivere

Spazi ricchi di storia, funzionali e versatili. I CIVICI MUSEI DI UDINE sono la location adatta ad accogliere eventi di vario tipo, perfetti per soddisfare ogni tipo di esigenza.

PRENOTA IL TUO SPAZIO