Questo sito si avvale di cookie tecnici, di cookie analitici e di altri cookie, anche di terze parti, necessari per il funzionamento, per interagire con social network e per usufruire di servizi offerti dal sito. Chiudendo questo banner o accedendo a un'altra pagina del sito acconsenti all’uso dei cookie. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Per saperne di piu'

Approvo

Ultimi post

  • Questa domenica vi invitiamo a passeggiare con noi nelle principali piazze della città, con un percorso che ne offre una lettura storica e una riflessione sull'attualità.
    Leggi tutto

  • La Triennale Europea dell’Incisione, per la sua 36° edizione, presenta al pubblico l’Astrattismo Italiano attraverso le suggestive opere del Maestro Luigi Spacal (Trieste, 1907-2000). All’interno del progetto “Trittico d’Autore” articolato su tre appuntamenti culturali annuali (2017-2019), risiede la volontà di promuovere un esponente di spicco dell’arte regionale, la cui vastissima produzione ha ottenuto una levatura nazionale e internazionale pur mantenendo un saldo rapporto con i territori d’origine. Luigi Spacal 1907-2000. La grafica, organizzata dalla Triennale Europea dell'Incisione in collaborazione con il Comune di Udine, Civici Musei, la Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia, La Fondazione Friuli e con il patrocinio dell'Università degli Studi di Udine sarà inaugurata sabato 23 settembre alle ore 18.00 a Udine nella sede di Casa Cavazzini – Museo d’Arte Moderna e Contemporanea e proseguirà fino al 29 ottobre 2017. http://www.civicimuseiudine.it/it/mostre-eventi/21-casa-cavazzini/448-luigi-spacal-1907-2000-la-grafica
    Leggi tutto

  • Abbiamo la nota giusta per il risveglio delle prossime domeniche: i concerti a #CasaCavazzini. Una location affascinante si riempie di musica: come lasciarsi scappare l'occasione? #ArteAlFemminile http://bit.ly/Donna_LaMusicaDimenticata
    Leggi tutto

  • 220 anni fa, la crisi del 1797 portò alla caduta della Repubblica di Venezia e la conseguente invasione francese. La storia di questi avvenimenti, che culminarono col Trattato di Campoformido, è raccontata al Museo del Risorgimento: fate un ripasso di storia con noi?
    Leggi tutto

  • E' online il programma didattico del Museo Friulano di Storia Naturale! Tante proposte rivolte alle scuole per imparare divertendosi
    Leggi tutto

Rivista dell'epoca della Grande Guerra

La Grande Guerra illustrata, dalla collezione Luxardo al fumetto contemporaneo

Castello di Udine, 1° aprile 2017 - 7 gennaio 2018

Inaugurazione 31 marzo 2017 ore 18.00

Mostra promossa dal Comune di Udine - Civici Musei, con il sostegno della Presidenza del Consiglio dei Ministri - Struttura di missione per gli Anniversari di interesse nazionale, della Regione Friuli Venezia Giulia e con il contributo della Fondazione Friuli.

A cura di Giovanna Durì, Luca Giuliani, Anna Villari
con la collaborazione di Sara Codutti e Fernando Orlandi

Accanto alla guerra drammaticamente impastata a fango e sangue, dal 1914 al ‘18 ne venne combattuta una parallela, non meno decisiva, fatta di parole e soprattutto di immagini.
La mostra lo documenta in modo organico, attingendo ad un patrimonio unico al mondo: la Collezione Luxardo, dal nome del medico di San Daniele del Friuli che negli anni dell’immediato dopoguerra raccolse oltre 5600 fascicoli di riviste e monografie d’epoca.

Leggi tutto: L'offensiva di carta

A Casa Cavazzini una mostra su Luigi Spacal

24 settembre - 29 ottobre 2017
Casa Cavazzini

Inaugurazione 23 settembre ore 18.00


La Triennale Europea dell’Incisione, per la sua 36° edizione, presenta al pubblico l’Astrattismo Italiano attraverso le suggestive opere del Maestro Luigi Spacal (Trieste, 1907-2000).
All’interno del progetto “Trittico d’Autore” articolato su tre appuntamenti culturali annuali (2017-2019), risiede la volontà di promuovere un esponente di spicco dell’arte regionale, la cui vastissima produzione ha ottenuto una levatura nazionale e internazionale pur mantenendo un saldo rapporto con i territori d’origine.
Luigi Spacal 1907-2000. La grafica, organizzata dalla Triennale Europea dell'Incisione in collaborazione con il Comune di Udine, Civici Musei, la Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia, La Fondazione Friuli e con il patrocinio dell'Università degli Studi di Udine sarà inaugurata sabato 23 settembre alle ore 18.00 a Udine nella sede di Casa Cavazzini – Museo d’Arte Moderna e Contemporanea e proseguirà fino al 29 ottobre 2017. Il catalogo e la mostra sono curati da Giuseppe Bergamini e Enzo Di Martino.
Luigi Spacal dopo aver conseguito la maturità artistica a Venezia, ha allestito la sua prima mostra nel 1940 proprio nella sua città natale per poi approdare, durante il dopoguerra, in tutte le più importanti gallerie d’arte d’Italia e d’Europa.
Il richiamo alle proprie radici caratterizza tutte le opere del grande artista che esprime, in un rapporto visibile, citazioni della memoria attraverso un repertorio iconografico di una civiltà che l’artista ha sempre avvertito profondamente come irrinunciabile.
Nell’ambito della grafica d’arte, che costituisce per la Triennale Europea dell’Incisione lo specifico terreno d’indagine e documentazione esplorato nelle numerose mostre fino ad ora realizzate, l’opera di Luigi Spacal occupa, in oltre mezzo secolo di attività, un posto di assoluto rilievo. Un linguaggio storicamente antico che Spacal ha radicalmente rinnovato sia da un punto di vista tecnico, con l’impiego di nuovi materiali, sia da un punto di vista formale, esaltando in particolare il ruolo e la funzione del colore.
A 110 anni dalla nascita del grande Maestro, le oltre settanta opere esposte documentano in modo esauriente un percorso di attenta ricerca tecnica e studio compositivo di un artista mitteleuropeo.

Ciotola delle collezioni del Museo Etnografico del Friuli

Dal 12 luglio al 30 settembre 2017 

Museo Etnografico del Friuli 

Il Museo Etnografico del Friuli deve molto a chi ha creduto nelle sue potenzialità e ha donato piccoli nuclei di raccolte o anche singoli beni importanti per l’arricchimento del patrimonio. Questo è accaduto nel passato – permettendo la nascita del Museo – ma accade ancora oggi. Prende avvio un ciclo di eventi espositivi che vogliono ricordare l’importanza del rapporto fra i mecenati e il Museo, offrendo l’occasione di apprezzare beni che usualmente non sono esposti ma che suggeriscono percorsi molteplici di approfondimento delle diverse tematiche oggetto dei molti percorsi espositivi.

Leggi tutto: Collezioni e collezionisti. Il Museo Etnografico rende omaggio ai suoi donatori

Mobile della tradizione friulana

L’intaglio, l’intarsio, la doratura, la pittura

Allestimento a tema nella sala dedicata alla “Tradizione del mobile” - Museo Etnografico del Friuli
Dal 5 aprile 2017 al 10 gennaio 2018

Diverse – a seconda delle epoche, degli stili e della classe sociale cui erano destinati i mobili – sono le caratteristiche ornamentali che, accanto a tipologie consolidate annoverano, soprattutto negli arredi popolari, tecniche mirate ad ottenere decoratività ma con mezzi semplici e su essenze lignee di non grande valore.
Con le collezioni del Museo Etnografico, oggetto di periodica rotazione, viene allestito un percorso rivolto a riconoscere le caratteristiche dell’intaglio – dal champlevè al “tutto tondo” ma anche il rilievo e l’incisione pirografata – dell’intarsio con piallacci di nobili essenze e tarsie pittoriche, i segreti della doratura, la pittura a tempera o encausto praticata per decorare con gusto elementi di mobilio non di grande pregio e la laccatura, originariamente una tecnica in uso in Oriente, fatta conoscere in Europa dai Gesuiti che dal XVI secolo.
Moltissime sono poi le sfumature offerte dalle suppellettili esposte: si va da un cassone con scene cortesi del XV secolo, a eleganti studioli da tavolo, quindi mobili del ‘700 e poltroncine à la Reine.

Illustrazione della sala martedì 11 aprile, ore 15.00

30 settembre 2017 - 7 gennaio 2018
Chiesa di San Francesco

Inaugurazione 30 settembre ore 11.00

Le donne che hanno avuto un ruolo rilevante nella storia della fotografia, sin dall'invenzione di questo medium, sono state tante e bravissime. Come ricordato dalla giornalista Giuliana Scimé, “...sono protagoniste delle più rilucenti sfaccettature di un diamante purissimo, la fotografia nelle arti visuali, che sta regalando galattiche avventure nell’universo dell’immagine...”.
Il percorso, assai complesso, tocca differenti epoche e culture d’Europa, delle Americhe, Africa, Asia, Australia. Le frontiere non esistono, nemmeno i confini per la creatività, questo è il miracolo della fotografia.

Un’affascinante “giro del mondo” a bordo di una raffinata macchina del tempo che dal primo Novecento sino alle più contemporanee sperimentazioni, plana su tantissimi Paesi e si sofferma a mettere in luce talenti e indimenticabili immagini. Questa mostra valorizza il lavoro e il ruolo delle donne, fa riflettere, indaga, rivede e tenta di riscrivere con equilibrio la storia della fotografia al femminile mettendo in cima le eccellenze che l’hanno caratterizzata.

Leggi tutto: Donne & fotografia

29 settembre – 29 ottobre 2017
Galleria Tina Modotti 

Inaugurazione 29 settembre ore 19.00

L'International Award of Photography 2017 istituito dal CRAF e patrocinato dalla Presidenza del Consiglio Regionale del Friuli Venezia Giulia viene assegnato a Newsha Tavakolian per la profondità della sua indagine fotogiornalistica.

In occasione della premiazione, in Galleria Tina Modotti, sarà esposta una selezione di immagini realizzate dalla giovane iraniana. Newsha ha documentato la guerra in Irak, in Libano, il terremoto in Pakistan e molti altri eventi nazionali e internazionali; in particolare ha illustrato il Medio Oriente così come non è mai apparso sulle pagine delle riviste e dei giornali occidentali. Le sue fotografie sono state pubblicate anche dal New York Times, Stern, Newsweek, Le Figaro e Time Magazine. Con cinque altre fotogiornaliste del Sudafrica, Georgia, Brasile e Spagna ha inoltre fondato Eve, una piattaforma ispirata alla fotografia e dedicata ai problemi delle donne nel mondo. In uno dei suoi lavori più recenti, Madri dei martiri, documenta la situazione che accomuna molte donne iraniane madri di martiri della rivoluzione, morti nella guerra con l’Iraq.
Nel 2006 ha vinto il National Geographical Society Award e nel 2016 è entrata a far parte della prestigiosa Agenzia Magnum.

La cerimonia di premiazione avrà luogo venerdì 29 settembre alle ore 17.00 a Udine in Sala Ajace. Interverrà il Presidente del Consiglio Regionale Franco Iacop.

Archivio

Location da vivere

Spazi ricchi di storia, funzionali e versatili. I CIVICI MUSEI DI UDINE sono la location adatta ad accogliere eventi di vario tipo, perfetti per soddisfare ogni tipo di esigenza.

PRENOTA IL TUO SPAZIO