Questo sito si avvale di cookie tecnici, di cookie analitici e di altri cookie, anche di terze parti, necessari per il funzionamento, per interagire con social network e per usufruire di servizi offerti dal sito. Chiudendo questo banner o accedendo a un'altra pagina del sito acconsenti all’uso dei cookie. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Per saperne di piu'

Approvo

Ultimi post

  • Martedì 30 appuntamento con l'ultimo corso per imparare a preparare prodotti per la pulizia a partire da ingredienti naturali: parliamo di detergenti naturali per la casa! Prenotazione obbligatoria.
    Leggi tutto

  • #savethedate Per gli appassionati della storia di Udine, la passeggiata in città alla scoperta delle stratificazioni storiche è un appuntamento che riserva grandi sorprese.
    Leggi tutto

  • È partito da Udine e oggi collabora con Le Monde e The New Yorker: per conoscere l'illustratore Manuele Fior in arrivo due incontri il 26 e 27 maggio!
    Leggi tutto

  • Giovedì 1 Giugno 2017 alle ore 17.30, nella prestigiosa cornice di Casa Cavazzini, Giovanni Gaggia presenta il libro Inventarium edito da Maretti Editore. Inventarium, a cura di Serena Ribaudo /poesie di Davide Quadrio, è una meditazione sul senso di memoria viva in cui il dolore si affranca dalla contingenza della tragica fatalità e trasfigura nei sentimenti di vita, di resistenza, di resilienza. Inventarium è un progetto di Giovanni Gaggia, nato nella mente dell’artista marchigiano nel 2010 ma che è maturato e portato a compimento nell’anno 2015. Inventarium ha visto il suo primo passaggio a Palermo: Spazio Canto 217, sito nella fascinosa Cavallerizza di Palazzo Costantino-Di Napoli, ha ospitato dal 27 Febbraio al 22 Aprile 2015, la mostra personale di Gaggia. Scrive Serena Ribaudo: “Inventarium come inventario ovvero lista, elenco. Inventarium come “storia di parole e di cose, parole come cose. Prove, testimonianze. Trovate, enumerate, registrate. Sommerse e salvate, archiviate”. E’ dalle fondamentali pagine del Libro della Memoria che Giovanni Gaggia, la cui ricerca artistica si dispiega in una molteplicità di espressioni, diparte per la strutturazione di questa sua “grammatica della memoria”, generando connessioni di persone, cose, pensieri. “Le cose, testimonianze della vita delle persone. Gli oggetti sono tracce. Segni di una presenza. Impronte. Gli utensili, il valore d’uso delle cose”. Gli oggetti del vissuto riemergono prepotentemente per trasfigurare in icone sacre ed inattingibili, monumenti alla meditazione sugli umani destini”. Nello stesso clima di sospensione si è inserita la performance di Giovanni Gaggia il quale ha iniziato il suo evento poietico e performativo a Palermo per completarlo simbolicamente a Bologna, città da cui è partito il volo della morte: nella Gallleriapiù (Oltredimore) è stata portata a termine l’incompiuta di Gaggia nel giorno del 35° anniversario della Strage. Diremmo quasi un’inversione di rotta dove Palermo è divenuta il trampolino di lancio della speranza: invece di tragica destinazione di non-arrivo, la città siciliana è stata luogo di partenza per un’opera che ha visto il suo completamento nella galleria bolognese diretta da Veronica Veronesi. Il libro Inventarium si pregia di una raccolta di versi inediti di Davide Quadrio. Come scrive lo stesso Quadrio: “Questi canti, poesie, o meglio nenie, fanno parte di un esercizio terapeutico che mi ha accompagnato -sempre in volo o su un mezzo di trasporto- negli anni 2006-2008. In volo, seduto tra sconosciuti in una bolla spazio-temporale, i pensieri si solidificano e decadono in frammenti-parole. In tale condizione psicologica di attesa forzata, meditativa, la parola scritta si risolve, si evolve e lascia tracce. Di questa raccolta mai pubblicata, e che è stata terminata pochi giorni prima della morte di mia madre, ho estratto alcuni versi che secondo me si addicono particolarmente all’occasione e che, per giusta apposizione, completano e espandono il lavoro di Giovanni Gaggia, al centro di questo progetto”. Inventarium si avvale inoltre di un testo dell’On. Daria Bonfietti, Presidente dell’Associazione Parenti delle Vittime della Strage di Ustica, da sempre vicina al progetto, e della commovente Testimonianza di Fortuna Piricò vedova Davì. Interverranno: Giovanni Gaggia, artista; Serena Ribaudo, storico dell’arte; Daniele Capra, curatore d'arte contemporanea; Giovanni Gaggia.
    Leggi tutto

  • Anche voi, sfogliando i quotidiani di oggi del gruppo Espresso nel Nordest, avete trovato qualcosa di familiare? #comingsoon #udinestate ai Civici Musei
    Leggi tutto

Museo del Risorgimento - Bello saperlo Venezia e la Lombardia - Incisione Il forte di marghera - 1849 Ippolito Nievo -     La partenza dei Mille da Quarto - Gerolamo Induno1860 Bozzetto del monumento a Garibaldi -    

Museo del Risorgimento

Bello saperlo

Venezia e la Lombardia

Incisione

Il forte di marghera

1849

Ippolito Nievo

   

La partenza dei Mille da Quarto

Gerolamo Induno
1860

Bozzetto del monumento a Garibaldi

   

Museo del risorgimento

Il Museo del Risorgimento, ubicato al piano terra del castello nell’ala ovest, propone un percorso atto ad illustrare gli avvenimenti di storia locale dalla caduta dello Stato Veneto nel 1797 sino agli anni successivi all’annessione del Friuli all’Italia nel 1866.

Le collezioni si sono costituite per lasciti privati e di associazioni (Società Veterani e Reduci delle Patrie Battaglie, fondo “Fantoni”) e accolgono anche reperti della Grande Guerra. Il fondo librario e l’emeroteca “Luxardo” ora sono accolti nella Biblioteca.

Dopo decenni di chiusura il Museo è stato riaperto al pubblico nel marzo del 2013 con un allestimento innovativo corredato da filmati e supporti multimediali. L’itinerario è articolato in cinque sale di cui una dedicata alla storia dei patrioti friulani durante l’epopea garibaldina.

Ingresso Museo del Risorgimento


Percorsi

Sala 1.La caduta dello Stato Veneto e le occupazioni francesi

Il percorso espositivo, dopo una riflessione sul significato della parola Risorgimento, illustra la situazione della crisi del 1797 che portò alla caduta della Repubblica di Venezia con la conseguente invasione francese. La storia di questi avvenimenti, che culminarono col Trattato di Campoformido, è raccontata attraverso l’esposizione di materiali eterogenei: dal ritratto dell’ultimo Doge di Venezia, al busto di Napoleone, a stampe di battaglie sino alla mappa della Patria del Friuli.

sala rappresentante la caduta dello stato veneto e le occupazioni francesi

Percorsi

Sala 2.Il regno italico e gli anni della Restaurazione

La seconda sala propone un ricco itinerario per spiegare gli episodi storici seguenti che accaddero in Friuli: la dominazione austriaca, l’annessione al Regno Italico, l’età della Restaurazione, l’annessione a provincia del Lombardo-Veneto. Il percorso prosegue con i moti insurrezionali del 1848 – 49, sino al cammino verso l’Italia unita. Tra gli oggetti esposti, documenti amministrativi della dominazione asburgica e francese, della massoneria e delle società segrete, oltre al pregevole vessillo di Osoppo, testimonianza dell’evento più significativo delle vicende insurrezionali in Friuli.

La sala con il vessillo del Forte di Osoppo

Percorsi

Sala 3.Il cammino per l’annessione all’Italia

L’itinerario ripercorre le vicende che hanno portato il Friuli all’annessione al Regno italico nel 1866: dai moti insurrezionali di Navarons e di Majano del 1864 sino alla terza guerra di indipendenza. Tra materiali esposti cimeli, fra cui divise garibaldine di Andreuzzi e Cella, corrispondenza di Mazzini, il busto di Caterina Percoto, scrittrice friulana che descrisse nelle sue prose le condizioni contadine del tempo. Materiali illustrano il ruolo delle donne nel Risorgimento friulano e le difficoltà del territorio dopo il 1866 quando Quintino Sella venne nominato commissario regio per riorganizzare la provincia e affrontare i diversi problemi.

sala rappresentante il cammino per l’annessione all’Italia

Percorsi

Sala 4.Stampa, satira e censura

Questa sala offre al visitatore la visione di pubblicazioni d’epoca dai Giornali di scienze, lettere ed arti di tradizione illuminista,alle Gazzette di carattere filo-governativo, agli almanacchi, ai catechismi popolari, fino alla stampa interna di circoli e associazioni di stampo politico. Sono esposti inoltre fogli di carattere umoristico con satire caricaturali, tra cui un giornaletto divertente, manoscritto ed acquerellato "Le ore di ozio".

sala della stampa, satira e censura

Percorsi

Sala 5.La costruzione di un eroe. Il mito garibaldino

La sala tematica sviluppa al suo interno diversi argomenti come la ricostruzione del mito di Giuseppe Garibaldi, l’epopea dei Mille e l’elenco dei friulani che parteciparono alla spedizione, attraverso cimeli e pannelli didascalici. Si prosegue con una riflessione sulla memoria degli eroi attraverso l’istituzione della Società Friulana dei Veterani e Reduci delle Patrie Battaglie e l’edificazione dei monumenti patriottici con l’esposizione di bozzetti scultorei, dipinti e documenti. L’ultima parte della sala è dedicata, attraverso apparati didattici, alla particolare situazione politica e sociale del Friuli nel primo decennio di annessione all’Italia, prima dell’entrata in guerra.

sala del mito garibaldino

Percorsi

06.Carceri

Il percorso al museo del Risorgimento comprende anche una piccola saletta che ricostruisce l’ambiente carcerario del Castello durante i moti insurrezionali. Durante l’età austriaca, soprattutto tra l’armistizio di Villafranca e la fine dei moti friulani, molti sono i detenuti politici che vengono imprigionati nelle carceri del Castello.

Questi ambienti, posti al pian terreno e sotterraneo nell’ala sud-ovest, vennero utilizzati con questa destinazione d’uso sin dall’epoca patriarcale e veneziana.

Durante il periodo risorgimentale pare che anche alcune stanze a sud del mezzanino fossero adibite a celle come è testimoniato dalle grosse inferriate poste alle finestre. Esiste anche una testimonianza dell’epoca, quella di Maria Agosti Pascottini richiusa in una di queste celle e condannata a sei anni di carcere duro per aver aiutato e nascosto dei patrioti. Le carceri sono abitualmente chiuse al pubblico.

sala delle carceri

Percorsi

07.Diorama Battaglia di Montebello

La battaglia combattuta a Montebello il 20 maggio 1859, preludio dell’unificazione d’Italia, è raffigurata nel diorama (plastico) in scala ridotta in una sala adiacente all’ingresso delle carceri.

L’ambientazione in scala, realizzata da Fabio Fiorentin ed Enrico Zamparutti in tre anni di lavoro, fu pensata in occasione delle celebrazioni per i 150 anni dell’Unità d’Italia. L’utilizzo di miniature in piccola scala ha consentito di ricomporre su una superficie di circa 6 mq quasi l’intero campo di battaglia che si estendeva per circa dieci chilometri, così da offrire una rappresentazione delle dimensioni delle unità coinvolte nello scontro e dei luoghi attraversati dai combattimenti.

Diorama della battaglia combattuta a Montebello

Location da vivere

Spazi ricchi di storia, funzionali e versatili. I CIVICI MUSEI DI UDINE sono la location adatta ad accogliere eventi di vario tipo, perfetti per soddisfare ogni tipo di esigenza.

PRENOTA IL TUO SPAZIO