Questo sito si avvale di cookie tecnici, di cookie analitici e di altri cookie, anche di terze parti, necessari per il funzionamento, per interagire con social network e per usufruire di servizi offerti dal sito. Chiudendo questo banner o accedendo a un'altra pagina del sito acconsenti all’uso dei cookie. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Per saperne di piu'

Approvo

Ultimi post

  • 160 autrici per 160 donne che hanno fatto la storia della fotografia internazionale: la Chiesa di San Francesco vi aspetta con un vero e proprio viaggio nella storia tra i continenti e le culture. #ArteAlFemminile Questa domenica nuova visita guidata http://bit.ly/2zlSEjO
    Leggi tutto

  • FRIAM: dietro questo nome, una collezione legata al #terremoto1976. Scoprite come sono arrivate fino a Casa Cavazzini le opere di Christo, Roy Lichtenstein, Willem de Kooning e Frank Stella: prenotate ora la vostra visita guidata! #BelloSaperlo
    Leggi tutto

  • [PERCORSI TATTILI] Avete mai avuto la tentazione di toccare i reperti esposti in un museo? Alla mostra Donne, madri, dee http://bit.ly/DonneMadriDee, oltre a vedere le testimonianze di come si sia evoluta la figura femminile, potrete anche toccare riproduzioni bi-tridimensionali: sono percorsi tattili per tutti, che vi faranno apprezzare anche i piccoli dettagli invisibili agli occhi. Visite guidate gratuite fino al 26 novembre http://bit.ly/VisiteGratuite
    Leggi tutto

  • C'è qualcosa che stimola la creatività dei bambini più del collage? Sì: pittura + collage! Questa domenica laboratorio da non perdere, che prende spunto dalle opere di Renato Calligaro esposte a Casa Cavazzini
    Leggi tutto

  • OLTRE LE PORTE è l'esplorazione fotografica dell'ex ospedale psichiatrico di Sant'Osvaldo a Udine a cura della friulana Ulderica Da Pozzo. http://bit.ly/OltreLePorte Un approfondimento inedito che presenta un luogo misterioso della memoria collettiva, carico di storie individuali di sofferenze. La mostra, visitabile presso le Gallerie del Progetto dal venerdì al sabato, è a ingresso libero. #ArteAlFemminile
    Leggi tutto

Una pubblicità della Olivetti

Dall'8 dicembre 2017 all’11 febbraio 2018 
Museo Etnografico del Friuli 
Inaugurazione 7 dicembre ore 17.00 

La collezione di macchine da scrivere del meccanografo Aldo Dri offre lo spunto per comprendere la rivoluzione che nel secolo scorso si è operata nel mondo dello scrivere, quando si usavano strumenti meccanici, poi sostituiti dalla nuova era dei computer, che a fronte di indubbie potenzialità, ha annullato conoscenze tecniche, abilità manuali, professionalità.
La tradizionale macchina da scrivere – magari portatile – è un ricordo che tuttavia può riservare ancora ammirazione e meraviglia se si vuole conoscere come l’ingegno umano è riuscito a rendere meno faticoso il lavoro di impiegati, giornalisti e scrittori, mettendo a disposizione macchine di facile impiego. La macchina per scrivere rivoluzionò il lavoro negli uffici, sostituendo la “bella calligrafia” con la scrittura meccanica che consentì diversi vantaggi: la riduzione dei tempi di scrittura, l’uniformità (standardizzazione) dei testi scritti, la realizzazione di più copie (mediante l’uso della carta carbone) del medesimo scritto.

La mostra propone una trentina di esemplari diversi: alcuni si vedono anche nelle fotografie di personaggi impegnati nel mondo della scrittura. Cosa abbia voluto dire scrivere a macchina – quando era difficile provvedere a correzioni – è verificabile in alcuni fogli esposti nei caratteristici font, come articoli di scrittori, giornalisti e studiosi. La comunicazione, la pubblicità del prodotto trova nella grafica Olivetti immagini significative in quanto manifesti, poster e libri erano illustrati dai più importanti disegnatori coinvolti dalla fabbrica di Ivrea nel ’900. In un montaggio multimediale sarà possibile rivedere alcuni classici della cinematografia in cui la dattilografia esemplifica stili e costumi dei diversi tempi, anche nel mito della velocità di scrittura.

La mostra è curata da Giorgio Dri, Federico Santini e Tiziana Ribezzi.
Video e suoni di Marco Villotta e di Renato Rinaldi.

Un'immagine della mostra al Museo Etnografico del Friuli

Achitetture idrauliche nella Bassa Friulana. Fra Acqua e Terra. 

Dal 23 settembre al 3 dicembre 2017 

Museo Etnografico del Friuli 

Inaugurazione 23 settembre ore 11.00

La mostra nasce da una ricerca svolta dall’Università degli Studi di Udine – Dipartimento di Lingue e Letterature, Comunicazione, Formazione e Società – sugli aspetti storici e sociali, nonché architettonici della gestione delle acque nella zona di Lignano Sabbiadoro e del suo entroterra.

Il progetto LE VIE DELL’ACQUA, sostenuto e promosso dalla Cassa Edile di Mutualità e Assistenza della Provincia di Udine (Museo del Patrimonio Edile Cantîrs), dalla Consulta dell’Ambito Territoriale Ottimale (CATO) in collaborazione con il Museo Etnografico del Friuli è finalizzato alla promozione di una “cultura dell’acqua”, intesa come iniziativa di valorizzazione del sistema di opere idrauliche che ha forgiato, e offre un servizio indispensabile, ancorché quasi “invisibile”, al nostro territorio.

Leggi tutto: Le vie dell'acqua

Marionette e burattini

Il teatro di figura di Enrico Sturolo al Museo Etnografico del Friuli

Fino al 1° marzo 2017

Arlecchino e Pantalone, turchi, corsari e guerrieri, signori e servitori, dame e ballerine, mefistofole, il carabiniere e il frate, accolgono i visitatori nell’atrio di palazzo Giacomelli. Si tratta di pupazzi, che hanno sempre incantato nelle fantasiose trame teatrali ispirate alla commedia dell’arte, a fiabe o scene di vita, adulti e bambini.

Marionette (figure articolate a più fili e mosse dall’alto) e burattini (fantocci a guanto calzato e animato dal teatrante) hanno uno specifico linguaggio espressivo: le prime si muovono, camminano e sono dotate di un ricco guardaroba per assumere ruoli diversi, eleganti; gli altri hanno belle teste intagliate e dipinte, sono disinvolti e scanzonati. Le marionette esposte appartengono al teatrino di Enrico Sturolo (Cividale del Friuli 1868 – Udine 1954), appassionato marionettista udinese, uno degli ultimi esponenti del teatro di figura a Udine.

 

Albero di Natale di carta

Presepi di carta, fogli illustrati, rilievi, decori racconti dalla collezione “Ida Sello” di Udine

Dal 6 dicembre 2016 al 22 gennaio 2017

Fin dalla sua apertura alla città, per il periodo di Natale il Museo Etnografico del Friuli offre una mostra a tema. Per il 2016 è allestita una selezione di materiali e immagini del Natale religioso e laico provenienti dalla collezione di Ida Sello che a Udine, presso l’abitazione che era stata la fabbrica di mobili dei fratelli, gestì fino agli anni ’60 del novecento la rappresentanza di materiale didattico di avanguardia per le scuole di infanzia.

Risale alla fine del ‘600 la tradizione di presepi stampati su carta, da colorare e ritagliare. Alle più antiche stamperie della penisola – Soliani e Remondini – sono seguite ditte in Germania, in Francia e in Italia, che con l’innovazione tecnica, la cromolitografia in particolare, raggiunsero notevoli effetti cromatici. L’effetto di spettacolo ambientale era dato dai diorami e dai presepi a teatrino che con particolari accorgimenti offerti da quinte, antine, carte colorate poste sullo sfondo offrono il senso di profondità. I fogli illustrati costituivano per gli stampatori un articolo di vendita sicuro e poco soggetto alle mode e quindi sempre inserito nei cataloghi delle ditte. La destinazione è il regalo ai bambini: un oggetto da comporre con gli adulti e da raccontare per ripetere anno dopo anno la magia dell’Evento natalizio.

Inaugurazione martedì 6 dicembre 2016 ore 17.00

15 dicembre 2015 - 29 maggio 2016

La mostra “In luce. Storia, arte e simbologia dell’illuminazione” è stata allestita dalla conservatrice del Museo Etnografico, Tiziana Ribezzi, con la collaborazione di Lucia Stefanelli dell’Archivio di Stato di Udine e Lucio Fabi, storico della Grande Guerra, accogliendo così l’invito dell'Onu, che ha proclamato il 2015 “Anno Internazionale della Luce e delle tecnologie basate sulla luce”.
Il museo Etnografico già ospita al suo interno una sezione permanente dedicata all’illuminazione con oggetti che illustrano l’evoluzione dei corpi illuminanti.

Partendo dallo studio delle proprie collezioni e attivando un’ampia rete di collaborazioni con enti pubblici e prestatori privati, il Museo Etnografico, sostenuto da Amga Energia & Servizi ed Heracomm, ha deciso di progettare questo affascinante percorso di approfondimento, proponendo stimoli e occasioni di approccio a un argomento quanto mai vasto che spazia dalla scienza alla storia, dalla tecnica alla letteratura, dall’arte alla pubblicità.

L’itinerario, che trovava il suo nucleo nell’esposizione di una varietà di oggetti, integrato da fotografie di Ulderica Da Pozzo e immagini d’epoca, si snodava per sezioni ed era accompagnato da apparati esplicativi, multimediali e da un'installazione che illustrava il rapporto fra luce e colore nell’opera d’arte. 

15 01 locandina foto con loghi

30 maggio 2016 – 31 marzo 2017

Dal 30 maggio e per un anno il Museo Etnografico Friulano si arricchisce di un nuovo allestimento, all’interno della sala dedicata alla “tradizione friulana del mobile”. Un allestimento speciale a rotazione con lo scopo di illustrare, attraverso i mobili antichi, gli usi e i costumi del tempo. Il tema scelto per quest’anno è quello della nascita, tramite l’oggetto simbolico della culla.

L’esposizione attuale presenta una serie di culle fra passato e tempi non lontani che evidenziano una costante attenzione per la realizzazione di questo elemento.

Leggi tutto: La Culla, simbolo di nascita

27 maggio - 11 ottobre 2015

Nell’anno di Expo Milano 2015, dedicato a "Nutrire il Pianeta, Energia per la Vita" il Museo Friulano di Storia Naturale, in collaborazione con il Museo Etnografico, ha proposto una mostra che ha focalizzato l’attenzione su una componente del cibo molto importante: i cereali e in particolare il frumento.

La scelta del frumento non è casuale viste le enormi implicazioni che questo cereale (insieme all’orzo e, in misura minore ad avena e segale) ha avuto sulla storia dell’uomo e dunque sulla storia del paesaggio. Stiamo parlando infatti di una coltura che circa diecimila anni fa, in Medio Oriente, ha dato avvio allo sviluppo dell’agricoltura in tutto l’Occidente. Le profonde modificazioni del paesaggio, la nascita di villaggi e successivamente di città, l’aumento della complessità delle società umane, si devono allo sviluppo dell’agricoltura a partire proprio dal cosi detto "pacchetto neolitico" (grano duro e/o tenero, farricello, farro e orzo).

Fino a poco tempo fa il frumento era la coltura più diffusa anche nel Friuli Venezia Giulia, poi sostituita da altre, mais in testa, che oggi contraddistinguono il paesaggio agrario. Le coltivazioni odierne sono legate più ad interessi economici che alle esigenze alimentari della popolazione. Ciò ha provocato e provoca pesanti conseguenze anche su ambiente naturale e biodiversità, oltre ad incidere profondamente su abitudini alimentari e stili di vita.

La mostra, che ha analizzato la storia dei cereali dal punto di vista botanico, di impatto sull’ambiente naturale ma anche sulla nostra cultura, fornisce degli spunti per riflettere su gestione del territorio, sulla sostenibilità dei nostri stili di vita e sui possibili scenari che un ritorno alle coltura tradizionali potrebbero aprire.

 

il grano locandina

19 dicembre 2014 - 12 aprile 2015

L’esposizione, per la prima volta, ha proposto un itinerario per conoscere la difficile ed affascinante arte della lavorazione del ferro attraverso una rilettura dell’opera di Alberto Calligaris maestro della lavorazione artistica del ferro battuto e finissimo disegnatore nell’ambito delle arti applicate del primo novecento in Friuli. I suoi progetti – fra il 1908 e gli inizi degli anni Trenta – descrivono il maturarsi di un percorso creativo dalle diverse espressioni dell’Art Nouveau al recupero di elementi rinascimentali tipici del Decò italiano. Il corpus di 250 disegni conservati nell’archivio “Calligaris” costituisce un patrimonio di grande valore. Le tavole comprendono disegni a china su carta da lucido e a matita su carta, alcuni sono acquerellati e riprodotti in eliografia e cianografia. Graficamente affascinanti descrivono l’abilità disegnativa e la sicura padronanza del percorso dal progetto alla realizzazione dell’opera da parte del prestigioso maestro dell’arte del ferro battuto.

Grazie alla padronanza stilistica del disegno progettuale e a una efficace struttura aziendale, affrontò prestigiose e impegnative commissioni pubbliche e private, collaborando con grandi personalità del mondo artistico suo contemporaneo. A questo materiale si è abbinata una vasta rassegna fotografica.

calligaris locandina

Location da vivere

Spazi ricchi di storia, funzionali e versatili. I CIVICI MUSEI DI UDINE sono la location adatta ad accogliere eventi di vario tipo, perfetti per soddisfare ogni tipo di esigenza.

PRENOTA IL TUO SPAZIO