Questo sito si avvale di cookie tecnici, di cookie analitici e di altri cookie, anche di terze parti, necessari per il funzionamento, per interagire con social network e per usufruire di servizi offerti dal sito. Chiudendo questo banner o accedendo a un'altra pagina del sito acconsenti all’uso dei cookie. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Per saperne di piu'

Approvo

Ultimi post

  • APERTURE E CHIUSURE DEI CIVICI MUSEI PER LE FESTIVITA' Nel periodo Pasqua / Festa del Lavoro i Civici Musei di Udine: - saranno aperti Lunedì 22 con ingresso gratuito (Pasquetta) e Giovedì 25 aprile (Festa della Liberazione); - rimarranno chiusi il 21 aprile (Pasqua) e il 1 maggio (Festa del Lavoro); - la Biblioteca e la Fototeca rimarranno invece chiuse al pubblico anche dal 23 al 26 aprile. Infine, il 26 aprile saranno chiusi gli uffici amministrativi. A tutti voi un augurio di Buona Pasqua!
    Leggi tutto

  • INCONTRO | MUSEO ETNOGRAFICO DEL FRIULI Venerdì 26 aprile alle 17.00 presenteremo il libro "Erbario stagionale - Tra poesia e figura", un percorso poetico e botanico lungo le stagioni. L’autore Umberto Valentinis dialogherà con Federico Santini illustrando il suo approccio verso il mondo floreale cadenzato dallo scorrere dei mesi e delle fioriture. L'incontro si collega al percorso espositivo 'Al Museo i fiori raccontano', un interessante itinerario con collezioni inedite in cui il tema botanico e il mondo floreale necostituiscono il filo conduttore.
    Leggi tutto

  • E' tempo di Pasquetta: sarà gita fuori porta o passeggiata in città? Noi apriremo le porte dei #CiviciMusei dalle 10.00 alle 18.00 e l'ingresso sarà gratuito per tutti! Vi aspettiamo ai Musei del Castello, a Casa Cavazzini e al MEF - Museo Etnografico del Friuli.
    Leggi tutto

  • Per le festività del periodo Pasqua - Festa della Liberazione, la Biblioteca e la Fototeca dei Civici Musei (3^ piano del Castello) rimarranno chiuse al pubblico dal 23 al 26 aprile.
    Leggi tutto

  • #BELLOSAPERLO Casa Cavazzini | Collezione Astaldi Pablo Picasso si ispira a un simbolo di pace per realizzarela litografia 'Colombe Volant' . Questa variante del 1952 fa parte della collezione Astaldi e, alla colomba in bianco e nero, aggiunge un arcobaleno formato dai colori giallo, verde, rosa, ocra, marrone chiaro, grigio e blu.
    Leggi tutto

Al museo i fiori raccontano. La Botanica nel decoro degli oggetti

Dal 9 aprile al 31 agosto 2019 

Museo Etnografico del Friuli

Orari e biglietti

Il mondo delle piante e dei fiori ha sempre destato fascino e il decoro di ispirazione floreale ha costituito, lungo le epoche, un repertorio ricorrente per il mondo delle arti applicate e per raffigurazioni artistiche.


In occasione della stagione primaverile presso il salone del Museo viene offerto un itinerario alla scoperta di collezioni inedite provenienti dal patrimonio museale e dalla collezione “Ciceri” in cui il tema botanico è un filo conduttore fra materiali diversi; sono inoltre esposte tavole illustrate provenienti dal fondo “Pontini” del Gabinetto disegni e stampe del Castello.

Sono esposti dipinti, tessuti, capi di abbigliamento, ceramiche, suppellettili, una cetra e oggetti inediti dove l’elemento floreale assume, di volta in volta significati diversi.

Rose, peonie, viole, papaveri, ciclamini, dalie, astri, pratoline, tulipani, gelsomini, garofani e minuti fiori di campo sono declinati in composizioni molteplici, realistici o stilizzati. Un esempio viene offerto da diverse ceramiche della ditta “Galvani” dove, epoca dopo epoca, il fiore diventa un richiamo stilistico qualificante.

Inoltre un montaggio video suggerisce attraverso fotografie d’autore, raffigurazioni artistiche e tavole botaniche un viaggio nel mondo dell’arte di rappresentare il mondo floreale.

Nelle diverse discipline il fiore è stato motivo ispiratore per i significati che di specie in specie gli sono stati assegnati, come spesso ricorre nel parlare quotidiano. Per secoli i fiori hanno espresso un valore simbolico che ricorre nei racconti mitologici, nella letteratura e nella poesia, ma anche in iconografie dove la presenza di un fiore assumeva un valore preciso.

Ai fiori conosciuti nel mondo europeo, con l’età moderna si sono affiancate le piante da fiore native delle Americhe che, inviate regolarmente in Europa, erano apprezzate come esotismo, divenendo una moda e oggetto di collezionismo.

I “cacciatori di piante” sulla scia di Linneo volto a classificare le diverse specie, si diffusero un po' dappertutto per raccogliere nuovi esemplari la cui conoscenza veniva diffusa anche attraverso le tavole botaniche e le illustrazioni che iniziarono a circolare: la rappresentazione di piante e fiori divenne un’arte che nasceva dal desiderio di documentare, anche esteticamente, l’aspetto delle piante e delle loro caratteristiche.

In occasione dell’esposizione in Museo si terranno due incontri:

Venerdi 26 aprile ore 17.00
Erbario stagionale: tra poesia e figura
con Umberto Valentinis
Percorso poetico e botanico lungo le stagioni. L’autore in un testo ripropone un viaggio nel suo mondo botanico attraverso le specie che rivivono nei vari periodi dell’anno.

Venerdi 10 maggio ore 17.00
Fiori:emozioni dell’anima, guarigione del corpo
Presentazione di Maria Grazia Menegon

 

 

 

3

Location da vivere

Spazi ricchi di storia, funzionali e versatili. I CIVICI MUSEI DI UDINE sono la location adatta ad accogliere eventi di vario tipo, perfetti per soddisfare ogni tipo di esigenza.

PRENOTA IL TUO SPAZIO