Questo sito si avvale di cookie tecnici, di cookie analitici e di altri cookie, anche di terze parti, necessari per il funzionamento, per interagire con social network e per usufruire di servizi offerti dal sito. Chiudendo questo banner o accedendo a un'altra pagina del sito acconsenti all’uso dei cookie. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Per saperne di piu'

Approvo

Ultimi post

  • Oasis PhotoContest. Tour 2018 Come riempirsi gli occhi di meraviglia? Ma con le splendide immagini realizzate dai migliori fotografi naturalistici del mondo, of course! Anche quest'anno siamo tra i primi a ospitare la mostra che prende il nome dall'omonimo concorso fotografico internazionale. Più di 50 immagini di grandi dimensioni, esposte al Museo Friulano di Storia Naturale che potete ammirare fino al 20 gennaio 2018. L'ingresso è gratuito e siamo aperti dal lunedì al sabato dalle ore 10.00 alle 13.00; le domeniche e il 26 dicembre dalle 10.00 alle 13.00 e dalle 15.00 alle 17.00. Attenzione che il 24, 25 e 31 dicembre e il 1 gennaio tutte le nostre sedi museali sono invece chiuse. https://bit.ly/2S4caaR
    Leggi tutto

  • La mostra 'Tracce. Paesaggio antico in Friuli' nasce da un vero e proprio “scavo” nelle collezioni storiche dei Civici Musei, del Museo Friulano di Storia Naturale di Udine, negli archivi della Fototeca udinese e della Biblioteca Civica “V. Joppi”. Grazie ai fondatori dell’Archeologia in Friuli siamo oggi in grado di descrivere le caratteristiche archeologiche del territorio nell'epoca protostorica e medievale: Al #MuseoAcheologico scoprirete l'antico territorio di Udine che, con il suo colle, vanta di una storia lunga 4000 anni, ma anche quello circostante che, nel corso dei secoli, ha subìto numerose trasformazioni.
    Leggi tutto

  • Fino alle 12.30 e dalle 15 alle 17.30 potete oggi visitare la mostra 'Liberati dalla Guerra' allestita all'ex Chiesa di San Francesco e aperta sabato e domenica (ingresso gratuito). Sul tema segnaliamo inoltre l'incontro/proiezione 'Il 1918 nelle immagini cinematografiche degli eserciti belligeranti' che di terrà mercoledì 19 dicembre alle 17, a cura della società Filologica Friulana. https://bit.ly/2Sba1tW
    Leggi tutto

  • 'ARMANDO PIZZINATO 1910-2004. LA GRAFICA' La Triennale Europea dell'Incisione presenta la variegata produzione artistica di Armando Pizzinato che, nei suoi molteplici lavori, ha utilizzato tutte le tecniche conosciute. A #CasaCavazzini scoprirete come la molteplicità delle tecniche artistiche e incisorie renda tangibile l’intensità e la poetica dei messaggi visivi... Info: https://bit.ly/2P0RYoa
    Leggi tutto

  • Vi aspettiamo in Borgo Grazzano! #SantaLucia Museo Etnografico del Friuli
    Leggi tutto

PARADOXA 2018. ARTE DA META’ COREA| ART FROM MIDDLE KOREA

21 luglio - 14 ottobre 2018
Casa Cavazzini

Inaugurazione 20 luglio ore 18.00
Si conclude con una mostra dedicata alla Corea del Sud, la trilogia espositiva Paradoxa con tre artisti coreani,  Yee Sookyung, Park Chang-kyong e Kyung-ah Ham che proporranno opere di scultura, arte tessile, pittura e video arte, lavori densi di riferimenti alla cultura coreana tradizionale, ma anche alla delicata attualità che ha visto la penisola coreana al centro di tensioni politiche mondiali, con una fase di distensione appena avviata dall'incontro di Singapore.
Orari e biglietti

La mostra tratta infatti il controverso tema dell’identità nazionale e del rapporto con la tradizione della cultura coreana che da decenni vive imprigionata in un dualismo politico che contrappone i regimi più chiusi, retaggio della storia politica del '900, alle politiche più aperte e dinamiche verso l'estero.
Una mostra che ben si lega al momento attuale ed alle complesse dinamiche in atto tra l’Occidente e il regime di Kim Jong-un, e che cerca di fornire al pubblico spunti di riflessione attraverso lo sguardo di tre insider d’eccezione.

Dopo Giappone e Cina, è quindi la volta degli artisti della Corea del Sud, che in una fase geo-politica così delicata, contribuiscono alla riappacificazione.
Nati tutti negli anni ’60 ed attivi sulla scena culturale coreana dai primi anni Novanta, i tre artisti sono accomunati dalla forte intensità con cui cercano un dialogo con la cultura tradizionale coreana ed ingaggiano al contempo un confronto con la storia recente e con la cronaca del paese estremo orientale ancora oggi diviso.

Nella produzione di Yee Sookyung (1963), centrale è la rielaborazione di tecniche e motivi iconografici delle antiche credenze religiose coreane e la loro traduzione in forme nuove e contemporanee. L’opera The Other Side of The Moon (2014) è costituita da una serie di frammenti di ceramica invetriata nera – proveniente dalla Corea del Nord – ricomposti e rifiniti nei punti di giuntura con oro a 24K. La scultura fa parte della serie Translated vase, esposta alla Biennale di Venezia, realizzata recuperando materiali di scarto preziosissimi – porcellane distrutte dei sapienti maestri ceramisti coreani – ricongiunti ad hoc come in puzzle culturale. In coreano, le parole ‘crepa’ e ‘oro’ hanno lo stesso suono, geum. Le opere di Yee sono così metafora della vita, della capacità di integrare le difficoltà e mettere in valore la sofferenza.

La ricerca artistica di Park Chan-kyong (1965) – fotografo, regista ed artista visivo – si fonda intorno al tema della memoria storica rispetto al rapido processo di modernizzazione del suo paese, esposto a forti contaminazioni e ingerenze occidentali. Il video Child Soldier (2017) è realizzato montando una serie di fotografie in 35mm. Protagonista è un bambino-soldato nord-coreano, immortalato mentre vaga armato nel bosco, senza meta e scopo preciso. L’intento dell’artista è scardinare l’immagine stereotipata dell’esercito coreano, umanizzandola. Ai toni militaristi ed ideologici della propaganda, Park contrappone la verità disarmante: il nemico è, semplicemente e innanzitutto, un altro essere umano. Come filmmaker e montatore cinematografico, l'artista ha affiancato il fratello – il noto regista e sceneggiatore Park Chan-wook – conquistando l’Orso d’Oro alla Berlinale 2011 per il miglior cortometraggio, con l’ horror fantasy Paranmanjang (Pesca notturna).

Kyungah Ham (1966) sperimenta i più disparati media, affidandosi spesso all'interazione con altre maestranze artigianali. Nel suo corpus creativo è forte il riferimento alle tematiche socio-politiche ed alla questione della libertà d’espressione. L’opera What You See is the Unseen – Five Chandeliers for Five Cities (2015) è un arazzo di grandi dimensioni, realizzato da ricamatrici nord-coreane che l’artista ha ingaggiato clandestinamente. Gli schizzi consegnati loro da Kyungah sono colmi di occulte frasi slang, immagini pop, testi di canzoni ed altri contenuti occidentali censurati dal regime che le artigiane hanno riportato, mimetizzato, nel filato. Al di là dell’apparenza fisica del ricamo, la vera materia prima dell’opera è la comunicazione che aggira la censura.

<<Questa edizione>>  sottolinea il curatore della mostra, Denis Viva, docente di storia dell’arte contemporanea e pratiche museali alle Università di Udine e Trento – <<si contraddistingue per la sua sensibilità ai fatti politici. Mai, credo, in Italia si è sentito parlare così tanto di Corea e mai, ritengo, è stato così necessario volgere lo sguardo all'arte di quel paese: l'unica che, al di là dei toni sensazionalistici e dell'altalenarsi diplomatico, ci offre una riflessione sedimentata, profonda, capace di restituirci l'esperienza di vivere in un paese diviso>>.

Avviatosi nel 2016, Paradoxa è un progetto espositivo triennale teso ad investigare le forme attuali dell'arte contemporanea dell’estremo oriente, rintracciandovi i temi del paradosso e della contraddizione, in una globalizzazione crescente che ha reso sempre più protagonista quell'area asiatica.
Prodotto dal Comune di Udine - Civici Musei con la collaborazione di ERPAC e Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia, patrocinato dall’Università degli Studi di Udine e curato da Denis Viva.

 

Location da vivere

Spazi ricchi di storia, funzionali e versatili. I CIVICI MUSEI DI UDINE sono la location adatta ad accogliere eventi di vario tipo, perfetti per soddisfare ogni tipo di esigenza.

PRENOTA IL TUO SPAZIO