Questo sito si avvale di cookie tecnici, di cookie analitici e di altri cookie, anche di terze parti, necessari per il funzionamento, per interagire con social network e per usufruire di servizi offerti dal sito. Chiudendo questo banner o accedendo a un'altra pagina del sito acconsenti all’uso dei cookie. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Per saperne di piu'

Approvo

Ultimi post

  • Hai mai pensato di poter toccare... la Storia? E di annusarla? Una visita alla mostra “Dalle mani del ceramista. Materiali in terracotta nel Friuli romano” ti permetterà di toccare antichi reperti e riproduzioni, annusare l’odore di cibi romani, costruire un vaso! Oggi 18 maggio l'ingresso è libero e gratuito: approfittane ;-) Nei prossimi mesi, grazie al progetto europeo sulll'accessibilità museale Come-In scuole, associazioni e gruppi organizzati potranno partecipare GRATUITAMENTE a workshop, visite guidate e laboratori, accessibili a TUTTI. Per info e prenotazioni: workshop.comein@gmail.com
    Leggi tutto

  • Qualche giorno fa è stata recuperata una nottola gigante (Nyctalus lasiopterus) che Luca Lapini, zoologo del Museo Friulano di Storia Naturale, sta ora curando per poterla liberare al più presto nel luogo in cui è stata ritrovata. E' possibile che si stia formando una nursery riproduttiva. In Regione infatti la popolazione di chirotteri appare decisamente in ripresa: importante segnale di miglioramento della qualità dell'ambiente. Il Museo Friulano di Storia Naturale sta ora preparando una BAT-NIGHT che si terrà durante l'estate: ascoltaremo “la voce” dei pipistrelli e impareremo a riconoscerne le specie che accompagnano le nostre serate estive. Restate connessi!
    Leggi tutto

  • Giornata Internazionale dei Musei | Ingresso gratuito Anche quest'anno i Civici Musei di Udine aderiscono alla Giornata internazionale dei musei e aprono gratuitamente le porte del Castello, di Casa Cavazzini e del Museo Etnografico del Friuli Sabato 18 maggio 2019 potrete visitare gratuitamente anche la nuova mostra "Dalle mani del ceramista al #Museo #Archeologico di Udine. Al MEF - Museo Etnografico del Friuli troverete invece la mostra "I Fiori raccontano"
    Leggi tutto

  • 12 MAGGIO | FESTA DELLA MAMMA Il nostro pensiero per tutte le mamme proviene da #Casa #Cavazzini con l'immagine di questo bellissimo quadro di Franz Van Holder. 'La casa della felicità' racconta un universo intimo e femminile, giocato sul dialogo muto tra due donne in un ordinario episodio di vita familiare: il bimbo è appena addormentato e occorre preservarne il silenzio per evitare che si svegli. E ricordiamo che l'ingresso ai #CiviciMuseidiUdine di genitori con figli minorenni è gratuito tutto l'anno!
    Leggi tutto

  • MOSTRA | DALLE MANI DEL CERAMISTA | INAUGURAZIONE 11 MAGGIO Appuntamento a domani alle 18 al Salone del Parlamento!
    Leggi tutto

Pane e Alfabeto. Storia delle scuole elementari dal 1866 al 1933

Al Museo Etnografico del Friuli una sala è dedicata alla storia sull’assistenza scolastica e l'innovazione didattica nelle scuole elementari comunali di Udine dal 1866 al 1933, frutto dello studio di Gaetano Vinciguerra.

Orari e biglietti

Il perocorso, "Pane e Alfabeto" racconta come il Comune di Udine in questo periodo, affrontò la necessità di fornire la refezione scolastica per i più poveri e quella, ancora più grave, di toglierli dalla strada, dando sostegno a due iniziative benemerite: l'Educatorio "Scuola e Famiglia" e il Ricreatorio popolare per i figli degli operai "Carlo Facci".

L'Educatorio, sostenuto dalla comunità cittadina con donazioni, ebbe lo scopo di raccogliere, dopo la lezione delle scuole elementari, i fanciulli più bisognosi, fornendo loro la refezione calda, il sostegno ai compiti scolastici, attività manuali e ricreative, ma anche dotandoli di indumenti e quant'altro rispondesse alle loro necessità.

Il Ricreatorio "Carlo Facci" agiva sulla fascia degli adolescenti offrendo, ogni domenica, attività sportive, ricreative e culturali, dando loro un indirizzo educativo.

L'azione di queste organizzazioni, coordinata con quella della Società Protettrice dell'Infanzia, costituì una autentica rete educativa di sostegno alla condizione minorile cittadina.

Parallelamente il Comune, all'inizio del sec. XX, si impegnò a varare un ambizioso piano edilizio scolastico e a migliorare l'insegnamento attraverso l'introduzione di metodi e materiali didattici innovativi come il piccolo museo industriale, le visite negli stabilimenti e le proiezioni luminose.
Sul piano formativo, la direzione generale delle scuole comunali affrontò il problema degli alunni con disturbi di apprendimento e di comportamento, dei tricofisici, affetti da gravi malattie cutanee, esclusi dalla frequenza scolastica, e dei bambini gracili, a pericolo di tubercolosi. Per i primi istituì corsi differenziali, mentre per gli ultimi creò un'innovativa Scuola all'aperto, che ebbe sede sul pendio del Castello di Udine, nell'orto di Palazzo Bartolini.

Breve illustrazione del percorso

PANE E ALFABETO. STORIA DELLE SCUOLE ELEMENTARI DI UDINE DAL 1866 AL 1933
Documenti, immagini e oggetti

Breve storia delle Scuole Elementari del comune di Udine
L'istruzione pubblica a Udine sotto la dominazione austriaca
Le scuole elementari urbane passano al Comune di Udine
Il sistema scolastico primario della città di Udine
L'ordinamento delle scuole comunali di Udine
Piano edilizio ed organizzativo delle scuole rurali
Definizione dei Circondari
L'edilizia scolastica elementare a Udine nei primi decenni del '900
La scuola udinese nella grande guerra
Le scuole elementari udinesi passano allo Stato
L'assistenza scolastica dal Comune all'O.N.B
La Riforma Gentile

Assistenza scolastica e innovazioni didattiche
Pane e alfabeto: la refezione scolastica e sussidi per gli alunni poveri
L’Educatorio Scuola e Famiglia (1895-1930)
Il Ricreatorio popolare per i figli degli operai “ Carlo Facci” (1908-1930)
Innovazioni didattiche (programmi didattici, biblioteche, proiezioni luminose)
Il piccolo museo industriale e le visite negli opifici
Gli insegnamenti speciali (ginnastica, canto, lavori manuali, insegnamento agrario)
Le scuole speciali (classi per ripetenti, corsi differenziali, corsi per tricofisici)
La Scuola all’aperto (per i bambini gracili a rischio di tubercolosi)

Vita scolastica anni '30
Gli edifici e l'aula scolastica
Gli alunni
Il corredo degli alunni
Formazione e compiti degli insegnanti elementari
I documenti scolastici
I Programmi
La cultura regionale e l'uso della lingua friulana
I libri unici di Stato
La Fascistizzazione

Approfondimenti
Scuola urbana e scuola rurale - L'aula scolastica 1865 - Il banco scolastico- I quaderni scolastici - La bacchetta - L'albo d'onore - L'obbedienza- I testi di lettura dell'800.

Oggetti e documenti d’epoca
L’aula. scolastica, il corredo dell’alunno, il corredo dei maestri

Per informazioni:
Museo Etnografico del Friuli
Via Grazzano 1
T. 0432 1272920

 

abaco e quaderni

corredo alunno cartella

refettorio newsletter

 

 

Location da vivere

Spazi ricchi di storia, funzionali e versatili. I CIVICI MUSEI DI UDINE sono la location adatta ad accogliere eventi di vario tipo, perfetti per soddisfare ogni tipo di esigenza.

PRENOTA IL TUO SPAZIO