Questo sito si avvale di cookie tecnici, di cookie analitici e di altri cookie, anche di terze parti, necessari per il funzionamento, per interagire con social network e per usufruire di servizi offerti dal sito. Chiudendo questo banner o accedendo a un'altra pagina del sito acconsenti all’uso dei cookie. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Per saperne di piu'

Approvo

Ultimi post

  • L’ACQUA. SEGUIAMO IL SUO PERCORSO. Un itinerario per grandi e piccoli focalizzato sulle ampie valenze che ruotano intorno all’acqua. Acqua come risorsa; acqua fonte di sostentamento, acqua bene per l’uomo e le sue attività. Ma acqua anche nei suoi significati sacri e simbolici. L’appuntamento è per mercoledì 28 agosto alle ore 15 al Museo Etnografico del Friuli (ingresso libero).
    Leggi tutto

  • BUON FERRAGOSTO A TUTTI! Ferragosto era un’antica festa della Roma imperiale. Fu infatti istituita dall'imperatore Augusto nel 18 a.C. e traeva origine dalla tradizione dei Consualia, feste che celebravano la fine dei lavori agricoli, dedicate a Conso, dio della terra e della fertilità. Ma il 15 agosto si celebra anche l’Assunzione di Maria, una delle più antiche feste mariane. Questa Assunta, olio su Tela di Nicola Grassi (1862 – 1748) è esposta alla Galleria d’Arte Antica di Udine. L’opera era conservata nella Chiesa Maria Maddalena dei Filippini, demolita nei primi anni del Novecento.
    Leggi tutto

  • Il Museo Etnografico del Friuli conserva una importante raccolta di sculture lignee di circa 70 pezzi. Oggi potete ammirare alcune di queste opere ristrutturate nella sala ad esse dedicata.
    Leggi tutto

  • Ti trovi in città? Vieni a scoprire le nostre collezioni e a visitare le nostre mostre. Siamo aperti anche a Ferragosto! ;-) #MuseoArcheologico #GalleriaArteAntica #MuseodelRisorgimento #CasaCavazzini #MuseoEtnograficodelFriuli
    Leggi tutto

  • In questo "Giorno felice, la Prima Comunione" Joaquin Sorolla y Bastida si concentra sull’incontro tra la bambina in abito da prima comunione e i parenti che la attorniano. Un'opera del 1892 che rappresenta la fase iniziale del percorso artistico del pittore. Presentata nello stesso anno all’Esposizione Internazionale delle Belle Arti di Madrid, oggi arricchisce la collezione di Casa Cavazzini.
    Leggi tutto

IMAGO LIGNEA Le sculture lignee

Il Museo Etnografico del Friuli, in occasione di un rinnovato riallestimento della sala “Luigi e Andreina Ciceri”, in cui figura un’antologica delle sculture lignee che permettono di ripercorrere importanti momenti della storia della scultura lignea nel Friuli dal XIV al XVIII secolo, si arrichisce di ulteriori opere oggetto di recente intervento conservativo a cura di Roberta Righini grazie al contributo della Fondazione Friuli.

Fra le nuove sculture, al Cinquecento risalgono la nobile immagine di Giuseppe di Arimatea elemento superstite di un Compianto su Cristo deposto, la piccola, raffinata Madonna col Bambino verosimilmente destinata a devozione privata e un San Giovanni Battista.
Di Giovanni Antonio Agostini (1550 ca – 1631) è una maestosa Madonna del Rosario mentre la tarda produzione seicentesca e dei primi del Settecento è testimoniata dalla Coppia di Angeli di scuola carnica.

Con i lasciti di Andreina Ciceri Nicoloso del 1984 e del 2001, il Museo ora conserva una importante raccolta di sculture lignee (una settantina di pezzi) costituitasi in occasione di ricerche che i due studiosi effettuarono in diverse località della regione.

Le opere sono state studiate e figurano nel catalogo della collezione; quelle prescelte per il percorso espositivo negli anni sono state oggetto di significativi interventi di restauro, in particolare il Vesperbild o Pietà del XIV secolo, forse il più antico esemplare di questo tipo iconografico esistente in regione, la Madonna col Bambino di autore sloveno della seconda metà del secolo e il magnifico Gruppo della Sant’Anna Metterza di autore carinziano o stiriano.

E’ esposta anche la Madonna col Bambino firmata da Martino da Tolmezzo e datata 1498; l’opera era stata acquistata nel 1952 dai Civici Musei e dialoga con le altre sculture richiamando il significativo apporto della famiglia Mioni allo sviluppo della scultura della regione nella seconda metà del Quattrocento.

Per informazioni:
Museo Etnografico del Friuli
Via Grazzano 1
T. 0432 1272920

  LAU9016

  

 

Location da vivere

Spazi ricchi di storia, funzionali e versatili. I CIVICI MUSEI DI UDINE sono la location adatta ad accogliere eventi di vario tipo, perfetti per soddisfare ogni tipo di esigenza.

PRENOTA IL TUO SPAZIO