Questo sito si avvale di cookie tecnici, di cookie analitici e di altri cookie, anche di terze parti, necessari per il funzionamento, per interagire con social network e per usufruire di servizi offerti dal sito. Chiudendo questo banner o accedendo a un'altra pagina del sito acconsenti all’uso dei cookie. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Per saperne di piu'

Approvo

Ultimi post

  • “Medusa” di Galileo Chini è un'opera del 1906 che trovate a Casa Cavazzini. L'artista rappresenta la mitica creatura in tutta la sua mostruosità, a partire dal volto incorniciato da un groviglio di serpenti e dalle ali dispiegate che sostengono il capo sospeso in volo.
    Leggi tutto

  • L’ACQUA. SEGUIAMO IL SUO PERCORSO. Un itinerario per grandi e piccoli focalizzato sulle ampie valenze che ruotano intorno all’acqua. Acqua come risorsa; acqua fonte di sostentamento, acqua bene per l’uomo e le sue attività. Ma acqua anche nei suoi significati sacri e simbolici. L’appuntamento è per mercoledì 28 agosto alle ore 15 al Museo Etnografico del Friuli (ingresso libero).
    Leggi tutto

  • BUON FERRAGOSTO A TUTTI! Ferragosto era un’antica festa della Roma imperiale. Fu infatti istituita dall'imperatore Augusto nel 18 a.C. e traeva origine dalla tradizione dei Consualia, feste che celebravano la fine dei lavori agricoli, dedicate a Conso, dio della terra e della fertilità. Ma il 15 agosto si celebra anche l’Assunzione di Maria, una delle più antiche feste mariane. Questa Assunta, olio su Tela di Nicola Grassi (1862 – 1748) è esposta alla Galleria d’Arte Antica di Udine. L’opera era conservata nella Chiesa Maria Maddalena dei Filippini, demolita nei primi anni del Novecento.
    Leggi tutto

  • Il Museo Etnografico del Friuli conserva una importante raccolta di sculture lignee di circa 70 pezzi. Oggi potete ammirare alcune di queste opere ristrutturate nella sala ad esse dedicata.
    Leggi tutto

  • Ti trovi in città? Vieni a scoprire le nostre collezioni e a visitare le nostre mostre. Siamo aperti anche a Ferragosto! ;-) #MuseoArcheologico #GalleriaArteAntica #MuseodelRisorgimento #CasaCavazzini #MuseoEtnograficodelFriuli
    Leggi tutto

Venezia Ottocento. Arte, collezionismo, connoisseurship

Appuntamento al museo di Casa Cavazzinimercoledì 27 marzo 2019 alle ore 18 con Linda Borean, docente di Storia dell’Arte Moderna all’Università di Udine, e Isabella Collavizza, studiosa e ricercatrice presso lo IUAV a Venezia per parlare di collezionismo, connoisseurship e la nascita della scienza della storia dell'arte.

A conversare ci saranno anche la scrittrice e giornalista Elena Commessatti e la conservatrice del museo Vania Gransinigh.

L’occasione è offerta dall’uscita di due volumi editi da Forum: La Galleria Manfrin a Venezia. L'ultima collezione d'arte della Serenissima (2019) a firma di Linda Borean e Dall'epistolario di Emmanuele Antonio Cicogna (2017) opera di Isabella Collavizza.
Si tratta di due lavori interconnessi e legati a doppio filo dalle personalità di Girolamo Manfrin ed Emanuele Antonio Cicogna che con la loro appassionata attività nell’ambito del collezionismo e della conoscenza storico-artistica segnarono l’epoca di passaggio tra l’erudizione settecentesca e lo storicismo romantico a Venezia nel corso del XIX secolo. 

Arricchitosi con il monopolio della manifattura del tabacco e divenuto membro onorario dell’Accademia di Belle arti, Girolamo Manfrin riunì nel suo palazzo a Cannaregio l’ultima grande collezione d’arte della Serenissima, in cui si concretizzava una storia visiva della pittura, con particolare riguardo alla scuola veneziana dalle origini sino al Settecento, e che contemplava opere quali la Vecchia e la Tempesta di Giorgione (entrambi oggi a Venezia presso le Gallerie dell'Accademia).

L'incontro permetterà, grazie al lavoro di ricerca svolto da Linda Borean, di ripercorrere le tappe salienti della formazione della raccolta assemblata con la consulenza di esperti quali Pietro Edwards, allora presidente dell’Accademia, e soprattutto i momenti nodali della sua dispersione nel corso dell’Ottocento tra collezionisti privati e musei pubblici, fra cui la National Gallery di Londra e le Gallerie dell’Accademia di Venezia.

Tra i molti esperti da cui Girolamo Manfrin si fece affiancare nelle sue scelte collezionistiche rientra a pieno titolo anche la personalità di Emmanuele Antonio Cicogna erudito, conoscitore d'arte e pure lui piccolo collezionista nella Venezia dell'Ottocento.

Fra i maggiori conoscitori della tradizione letteraria bibliografica e storico-artistica della Repubblica veneziana, Cicogna spiccava quale personaggio di riferimento per il mondo intellettuale del tempo.
Attraverso l’esame del suo fondo documentario, conservato presso il Museo Correr di Venezia, e in particolare del corposo e ancora inedito epistolario è stato possibile restituire nuova luce alla sua figura, riletta nell’inesplorata veste di versatile informatore-intermediario in contatto con una amplissima e vivace comunità di artisti e intellettuali, nell’affascinante ruolo di consulente per studiosi e conoscitori d’arte a livello nazionale o, ancora, nella collaborazione attiva con i principali istituti di cultura veneziani del tempo.

Facendo perno sulle due personalità di Manfrin e Cicogna sarà così possibile ricostruire l'atmosfera di un'intera epoca che vide il sorgere di un rinnovato senso della storia ponendo le basi per la nascita di una disciplina, quella della storia dell'arte, che costituisce ancora oggi l'imprescindibile sostrato per la tutela e la valorizzazione del nostro patrimonio artistico. 

    

L'Ingresso è libero fino ad esaurimento posti.
Per informazioni:
Casa Cavazzinni
T. 0432 1273772

 

Didascalia immagine: Andrea Mantegna (Isola Mantegna, 1431 – Mantova, 13 settembre 1506), San Giorgio, 1460 ca, tempera su tavola, Venezia, Gallerie dell’Accademia (collezione Manfrin)

La Galleria Manfrin a Venezia - Dall'epistolario di Emmanuele Antonio Cicogna

Mercoledì 27 marzo 2019 alle ore 18.00 a Casa Cavazzini – Museo d’Arte Moderna e Contemporanea di Udine si terrà un incontro pubblico dal titolo “Venezia Ottocento. Arte, collezionismo, connoisseurship” di cui saranno protagoniste Linda Borean, docente di Storia dell’Arte Moderna all’Università di Udine e Isabella Collavizza studiosa e ricercatrice presso lo IUAV a Venezia. A conversare con loro rispettivamente la scrittrice e giornalista Elena Commessatti e la conservatrice responsabile del museo Vania Gransinigh.

L’occasione è offerta dall’uscita di due volumi editi da Forum La Galleria Manfrin a Venezia. L'ultima collezione d'arte della Serenissima (2019) a firma di Linda Borean e Dall'epistolario di Emmanuele Antonio Cicogna (2017) opera di Isabella Collavizza. Si tratta di due lavori interconnessi e legati a doppio filo dalle personalità di Girolamo Manfrin ed Emanuele Antonio Cicogna che con la loro appassionata attività nell’ambito del collezionismo e della conoscenza storico-artistica segnarono l’epoca di passaggio tra l’erudizione settecentesca e lo storicismo romantico a Venezia nel corso del XIX secolo.

Arricchitosi con il monopolio della manifattura del tabacco e divenuto membro onorario dell’Accademia di Belle arti, Girolamo Manfrin riunì nel suo palazzo a Cannaregio l’ultima grande collezione d’arte della Serenissima, in cui si concretizzava una storia visiva della pittura, con particolare riguardo alla scuola veneziana dalle origini sino al Settecento, e che contemplava opere quali la Vecchia e la Tempesta di Giorgione (entrambi oggi a Venezia presso le Gallerie dell'Accademia). L’incontro permetterà, grazie al lavoro di ricerca svolto da Linda Borean, di ripercorrere le tappe salienti della formazione della raccolta, assemblata con la consulenza di esperti quali Pietro Edwards, allora presidente dell’Accademia, e soprattutto i momenti nodali della sua dispersione nel corso dell’Ottocento tra collezionisti privati e musei pubblici, fra cui la National Gallery di Londra e le Gallerie dell’Accademia di Venezia. Tra i molti esperti da cui Girolamo Manfrin si fece affiancare nelle sue scelte collezionistiche rientra a pieno titolo anche la personalità di Emmanuele Antonio Cicogna erudito, conoscitore d'arte e pure lui piccolo collezionista nella Venezia dell'Ottocento.

Fra i maggiori conoscitori della tradizione letteraria bibliografica e storico-artistica della Repubblica veneziana, egli spiccava quale personaggio di riferimento per il mondo intellettuale del tempo. Attraverso l’esame del fondo documentario Cicogna conservato presso il Museo Correr di Venezia, in particolare del corposo e ancora inedito epistolario è stato possibile restituire nuova luce alla sua figura, riletta nell’inesplorata veste di versatile informatore-intermediario in contatto con una amplissima e vivace comunità di artisti e intellettuali, nell’affascinante ruolo di ‘consulente’ per studiosi e conoscitori d’arte a livello nazionale o, ancora, nella collaborazione attiva con i principali istituti di cultura veneziani del tempo. Facendo perno sulle due personalità di Manfrin e Cicogna sarà così possibile ricostruire l'atmosfera di un'intera epoca che vide il sorgere di un rinnovato senso della storia ponendo le basi per la nascita di una disciplina – quella della storia dell'arte – che costituisce ancora oggi l'imprescindibile sostrato per la tutela e la valorizzazione del nostro patrimonio artistico.

Linda Borean è professore associato di Storia dell’arte moderna all’Università degli studi di Udine. Le sue ricerche riguardano temi di arte veneta tra Seicento e Ottocento. Ha pubblicato saggi e articoli in riviste internazionali e volumi monografici, tra cui Lettere artistiche del Settecento veneziano. Il carteggio Giovanni Maria Sasso-Abraham Hume (2004).

Isabella Collavizza si è specializzata in Storia dell’arte all’Università degli Studi di Udine dove, nel 2013, ha ottenuto il titolo di dottore di ricerca. Si occupa di temi e problemi di storia dell’arte in area veneta tra Sette e Ottocento, con particolare riguardo agli aspetti della critica, della tutela e della storia del collezionismo.

Opera

Si tratta del particolare di un'opera di Andrea Mantegna una tela raffigurante S. Giorgio che oggi si trova alle Gallerie dell'Accademia e proviene dalla collezione Manfrin.

 

Andrea Mantegna (Isola Mantegna1431 – Mantova13 settembre1506), San Giorgio, 1460 ca, tempera su tavola, Venezia, Gallerie dell’Accademia (collezione Manfrin)

Location da vivere

Spazi ricchi di storia, funzionali e versatili. I CIVICI MUSEI DI UDINE sono la location adatta ad accogliere eventi di vario tipo, perfetti per soddisfare ogni tipo di esigenza.

PRENOTA IL TUO SPAZIO