Questo sito si avvale di cookie tecnici, di cookie analitici e di altri cookie, anche di terze parti, necessari per il funzionamento, per interagire con social network e per usufruire di servizi offerti dal sito. Chiudendo questo banner o accedendo a un'altra pagina del sito acconsenti all’uso dei cookie. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Per saperne di piu'

Approvo

Ultimi post

  • Programmi per il weekend? Se ti va di scoprire la storia della produzione di materiali in terracotta in epoca romana e dei rapporti commerciali e culturali delle genti romane del Friuli, suggeriamo la visita alla mostra "Dalle mani del ceramista". Ci trovi al Museo #Archeologico di Udine dalle 10 alle 18.
    Leggi tutto

  • DOMENICA 21 LUGLIO ORE 11 | SYNTAGMA Ci ritroviamo in Castello a riflettere su "I suoni della città attraverso l’arte figurativa" accompagnati dalle musiche di Fabio Accurso, liuto e Alessandra Cossi, voce Oltre seicento anni di storia, dalla Galleria d’Arte Antica al Museo del Risorgimento, per percorsi visivi e sonori che si snodano nel corso dei secoli tra pratiche ed estetiche di mirabile bellezza.
    Leggi tutto

  • PAOLO ZANUSSI, DIPINTI E DISEGNI Disegnare e dipingere per lui sono molto più di un’attività, sono lo strumento per capire ed interloquire con la realtà e con il mondo. Fra un viaggio e l’altro non dimenticherà mai di fare ritorno nel suo Friuli per incontrare gli amici più cari e camminare sulle sue amatissime montagne. Un artista tutto da scoprire nella mostra "Paolo Zanussi, dipinti e disegni". A Casa Cavazzini fino al 15 settembre
    Leggi tutto

  • Domani 18 luglio alle 20.45 vi aspettiamo all'ultima proiezione di #Biomovies 2019 che vedrà protagoniste le grotte di Palawan La Venta". Saremo al parco del Museo Friulano di Storia Naturale #MFSN
    Leggi tutto

  • Il libro "Il Palazzo comunale di Udine da Nicolò Lionello a Raimondo d'Aronco" racconta di come la storia del Palazzo progettato dall’architetto Raimondo D’Aronco si intrecci con quella dell’antica “Domus comunis” (che si trovava di fronte al terrapieno di piazza Libertà). Se vuoi leggere il volume dedicato al Palazzo d'Aronco puoi scaricarlo dal sito dei Civici Musei.
    Leggi tutto

Il nuovo allestimento di Casa Cavazzini

Attraverso la rotazione delle opere, Casa Cavazzini si rinnova nel tema della pittura nella seconda metà del Novecento fra astrazione e figurazione. L'esposizione mette a fuoco i mutamenti e gli sviluppi avvenuti nella pittura italiana dal secondo dopoguerra alla fine del Novecento attraverso le opere che, in tempi e modalità differenti, sono entrate a far parte delle collezioni museali.

Alla fine della seconda guerra mondiale gli artisti italiani ebbero nuovamente la possibilità di rapportarsi con il panorama figurativo internazionale grazie anche alla ripresa delle attività delle Biennali di Venezia che, dal 1948, tornarono a rappresentare un fondamentale fulcro di confronto sovranazionale. Da quel momento, accanto ai maestri della figurazione già affermatisi negli anni Venti e Trenta del secolo scorso, cominciarono ad emergere le personalità della generazione più giovane, interessata a nuove sperimentazioni.
Mentre si apriva il dibattito politico intorno al Neorealismo sociale in pittura, si affermava anche il movimento dell'arte astratto-concreta, sostenuto dal critico Lionello Venturi.

La reazione ideologica al Fascismo, le lotte partigiane e il movimento della Resistenza, condussero gli intellettuali e gli artisti italiani dell’epoca ad impegnarsi in maniera sempre più esclusiva in campo politico e sociale. L’intento era quello di incidere sulla collettività per il tramite di un linguaggio che fosse comprensibile e chiaro, capace di rappresentare la società coeva in tutte le sue sfaccettature, denunciandone le più evidenti contraddizioni.

Accanto a questa, maturavano le esperienze dell’astratto-concreto che, rifacendosi all’arte astratta degli anni Trenta, proseguivano in direzione di una pittura ormai emancipata da ogni riferimento naturalistico e dalla necessità di una qualsiasi forma di rappresentazione. La pittura diveniva così una produzione di forme, linee e colori elaborati e combinati dalla personale creatività dell’artista in maniera completamente autonoma dalla realtà naturale. È in questo panorama artistico che si svilupparono lo Spazialismo, il Nuclearismo e soprattutto le differenti declinazioni dell'Informale, nella sua componente segnico-gestuale e materica.
Il percorso espositivo si conclude con un’incursione sulle correnti e sulle personalità artistiche attive alla fine del Novecento, quando la pittura subì una pesante crisi di identità poiché soppiantata dalle sperimentazioni più ardite dell’installazione, della performance e dell’arte concettuale.

 

282. Zigaina

Giuseppe Zigaina (Cervignano, 1924 - Palmanova, 2015),
Uomini che uccidono Cavalli
1948 - olio su compensato

 

Per informazioni:
Casa Cavazzini 
Via Cavour 14
T. 0432 1273772

Location da vivere

Spazi ricchi di storia, funzionali e versatili. I CIVICI MUSEI DI UDINE sono la location adatta ad accogliere eventi di vario tipo, perfetti per soddisfare ogni tipo di esigenza.

PRENOTA IL TUO SPAZIO