Femines di cjase e femines fûr di cjase

Nel mese dedicato alla donna, il 14 Marzo alle ore 17.00 converseremo con Elio Varutti ripercorrendo storie di donne di diversi momenti storici e soffermandoci su alcune opere del Museo Etnografico del Friuli, tra cui dipinti e fotografie di volti femminili.
Le parole di Elio Varutti verranno intercalate dai canti di Novella, Edda, Donatella, voci del Trio da Gjviano, il cui repertorio tiene viva la tradizione musicale carnica, grazie allo studio e all’interpretazione di testi.


L’autore – che vanta approfondimenti storici sul tema dell’emigrazione e della profuganza istriano dalmata in Friuli - descrive l’emigrazione maschile dal Friuli del ‘700 e ‘800, mostrando alcuni ritratti di Cramârs della Carnia e della Val Canale. Essi giravano per il Centro Europa per vendere tele e spezie, mentre le loro mogli restavano in casa (Femines di cjase). Si conclude parlando dell’emigrazione femminile dal Friuli (Femines fûr di cjase) verificatasi alla fine dell’800 e la prima metà del ‘900, commentando alcune fotografie ed altri oggetti del Museo Etnografico del Friuli.

Per informazioni:
Museo Etnografico del Friuli
Via Grazzano 1
T. 0432 1272920