Questo sito si avvale di cookie tecnici, di cookie analitici e di altri cookie, anche di terze parti, necessari per il funzionamento, per interagire con social network e per usufruire di servizi offerti dal sito. Chiudendo questo banner o accedendo a un'altra pagina del sito acconsenti all’uso dei cookie. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Per saperne di piu'

Approvo

Ultimi post

  • Mostra | OASIS PHOTOCONTEST. TOUR 2018 #MuseoFriulanodiStoriaNaturale Immagini che valgono mille parole. La mostra con le più belle immagini del concorso di fotografia naturalistica chiude i battenti domenica 20 gennaio. Tra foto vincitrici e altre segnalate dalla Commissione, puoi lasciarti stupire ed emozionare dalle oltre 50 immagini del concorso italiano di fotografia naturalistica di Oasis, uno dei maggiori concorsi a livello europeo. Ti aspettiamo in Via Sabbadini, fino al 20 gennaio, dalle 10.00 alle 13.00 e domenica anche nel pomeriggio, dalle 15.00 alle 17.00 (l'ingresso è gratuito!)
    Leggi tutto

  • INGRESSO GRATUITO | #domenichedinverno Per un intero mese a partire dal 20 GENNAIO, tutte le domeniche l'ingresso ai #CiviciMusei di Udine è gratuito! Grazie all'adesione al Progetto regionale "Domeniche d'inverno al museo in Friuli Venezia Giulia”, in tutti i nostri Musei è prevista infatti l'entrata libera e gratuita nelle domeniche fino al 24 FEBBRAIO.
    Leggi tutto

  • Mostra | Inaugurazione | #Giornatadellamemoria LO SCULTORE E LA MOGLIE CHE SALVARONO GLI EBREI Tra le storie di solidarietà e misericordia dei coniugi Mistruzzi vi è quella di Lea Polgar, scampata alla deportazione grazie proprio ad Aurelio e Melania, la cui figlia si chiamava anch’essa Lea. Lea Polgar, all'epoca aveva 10 anni e Aurelio e Melania decisero di nascondere e proteggere la bimba nella loro casa romana. Sarà Lea, ad insaputa dei suoi salvatori, ad avviare la pratica per il riconoscimento tra i Giusti, che viene accordato il 28 settembre 2007. Sabato 19 gennaio alle 17,30 a #PalazzoMorpurgo, anche Lea Polgar sarà presente ad inaugurare la mostra dedicata allo scultore Aurelio Mistruzzi e a sua moglie Melania Yaiteles, compresi tra i 'Giusti tra le Nazioni' nel Museo Yad Vashem di Gerusalemme per aver aiutato gli ebrei perseguitati a Roma.
    Leggi tutto

  • ULTIMO WEEKEND PER VISITARE OASIS PHOTOCONTEST. TOUR 2018. Tra formiche e ghepardi, farfalle ed elefanti, orsi e creature degli abissi, gatti e cani di casa, paesaggi africani e nevi antartiche, attraversando i santuari della Natura più vicina a casa nostra, ti porteremo in quel mondo dove l'immagine vale più di mille parole.... La mostra chiude domenica 20 gennaio: noi saremo al Museo Friulano di Storia Naturale ad accoglierti dalle 10.00 alle 13.00 e domenica anche nel pomeriggio, dalle 15.00 alle 17.00. E l'ingresso è gratuito!. Per info chiamaci al n. 0432 1273211
    Leggi tutto

  • Didattica | Conferenza 8 febbraio #MuseoEtnograficodelFriuli #8febbraio STORIA E VICENDE DEGLI ORFANI DI GUERRA FRIULANI Nella 1^ guerra mondiale Il Friuli ebbe il triste primato del più elevato numero di orfani di guerra: si parla di oltre 13.000 orfani, considerando solo i minori. Una attenta ricerca presso l'Archivio di Stato di Udine ha consentito di delineare la storia di questi bambini, strettamente connessa a quelle delle loro madri. Venerdì 8 febbraio alle 16.00 con Gaetano Vinciguerra approfondiremo il tema degli orfani di guerra, del controverso e tardivo intervento normativo di tutela, del difficile ruolo delle madri, del Patronato Friulano per gli Orfani di guerra, della nascita dell'Istituto Friulano per gli orfani di guerra di Rubignacco e dell'azione del Giudice delle Tutele chiamato a decidere sui destini di tanti bambini. Di alcuni di essi si narrerà la storia, come nel caso della piccola Milka... Vi apettiamo al MEF - Museo Etnografico del Friuli venerdì 8 febbraio
    Leggi tutto

Presentazione restauro Camisole del ’700 con il sostegno della Fondazione Friuli

Dopo cinque mesi di lavoro di restauro, giovedì 14 giugno alle ore 17 presso il Salone d'onore di palazzo Giacomelli, sede del Museo Etnografico del Friuli,

saranno presentate le camisole settecentesche di manifattura friulana ricamate in seta a fili policromi restaurate, ora visibili all’interno del percorso espositivo “Fiori di ricamo”.
Un lavoro -  realizzato grazie al sostegno della Fondazione Friuli - che annovera, tra i capi restaurati, il costume maschile di San Pietro degli Slavi, particolarmente importante in quanto parte di una serie di completi provenienti da diverse località che nel 1883 furono protagonisti all’Esposizione Industriale Provinciale di Udine.

L'esposizione, visitabile fino alla fine di agosto, è corredata anche da alcuni dipinti, ritratti di borghesi friulani dell’epoca a rappresentare la moda del tempo, e da materiali che riportano alla tradizione manifatturiera dell’epoca, tra cui alcuni oggetti della collezione di Luciana Molinis.
Il restauro, affidato alle mani della restauratrice Simonetta Giacomini – Restauro Tessili Antichi di Porcia (PN) –,  è durato cinque mesi ed è stato condotto in collaborazione con la Soprintendenza Archeologia Belle Arti e Paesaggio del Friuli Venezia Giulia, la funzionaria dott.ssa Elisabetta Francescutti, e la restauratrice Catia Michielan.

I capi presentavano una situazione di forte degrado con numerose lacerazioni bloccate in modo inadeguato con collanti divenuti rigidi e giallastri. In generale tutti i ricami in seta policroma erano interessati da alterazioni cromatiche, lacune e sollevamenti di filato. Gli interventi hanno previsto la rimozione dei rammendi, la distensione dei tessuti, per eliminare le deformazioni e le tensioni. Il consolidamento ha interessato la tintura della seta e del filo di seta, il consolidamento a punta filza e posato del tessuto su supporti locali in corrispondenza dei tagli, e la protezione delle parti più compromesse con un  sottile velo di seta per non ottundere la lucentezza delle sete colorate.
I preziosi esemplari. ora restituiti al loro splendore, appartengono alle collezioni del Museo Etnografico del Friuli che vanta delle raccolte molto ricche tanto da dedicare al settore tessile e del costume l’allestimento del secondo piano del palazzo, dove è possibile ammirare materiali molto articolati del costume friulano.

Il Progetto, avviato nell'ottobre 2017 e concluso a febbraio 2018, rientrava nel bando a tema “Restauro beni artistici anno 2017” che la Fondazione Friuli ha istituito in un’ottica di recupero dei beni artistici del territorio.
La presentazione dei preziosi esemplari del costume friulano alla cittadinanza udinese sarà l'occasione per descrivere le operazioni di restauro dei capi e per illustrare le tipologie manifatturiere del tempo, per meglio contestualizzarli. 

Interverranno:
l’Assessore alla Cultura del Comune di Udine, Fabrizio Cigolot
il Presidente della Fondazione Friuli, Dr. Giuseppe Morandini
il Dirigente del Servizio Integrato Musei e Biblioteche dei Civici Musei, Dr. Romano Vecchiet
la Conservatrice del Museo Etnografico del Friuli, Dr.ssa Tiziana Ribezzi
la Restauratrice Simonetta Giacomini – Restauro Tessili Antichi di Porcia

 

tutti

 

       

 

Bando a tema della Fondazione Friuli “Restauro Beni Artistici 2017”

Presentazione pubblica dei restauri, giovedì 14 giugno 2018 ore 17.00 presso il Museo Etnografico del Friuli

Location da vivere

Spazi ricchi di storia, funzionali e versatili. I CIVICI MUSEI DI UDINE sono la location adatta ad accogliere eventi di vario tipo, perfetti per soddisfare ogni tipo di esigenza.

PRENOTA IL TUO SPAZIO