Questo sito si avvale di cookie tecnici, di cookie analitici e di altri cookie, anche di terze parti, necessari per il funzionamento, per interagire con social network e per usufruire di servizi offerti dal sito. Chiudendo questo banner o accedendo a un'altra pagina del sito acconsenti all’uso dei cookie. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Per saperne di piu'

Approvo

Ultimi post

  • Lo scoppio di Sant'Osvaldo Venerdì 23 novembre alle 16, al Museo #Etnografico del Friuli, il maestro Gaetano Vinciguerra terrà la conferenza dal titolo "Lo scoppio di Sant'Osvaldo, 27 agosto 1917: che cosa accadde e perché". Quel 27 agosto esplose, nella frazione di Sant'Osvaldo, uno dei più grossi depositi di munizioni della Seconda Armata che distrusse la borgata e la stessa città di Udine, gravemente danneggiata, subì l’evacuazione forzata. La conferenza affronta l'evento ricostruendolo in ogni dettaglio, compresi i nomi delle vittime finora ignorati, attraverso le testimonianze dei sopravvissuti, dei soccorritori, i diari dei maggiori protagonisti, la stampa dell’epoca, documenti archivistici e altre fonti inedite. Sará l'occasione per appronfondire uno dei temi della mostra "Una città dentro la guerra. Udine 1914 - 1918" che rimarrà visitabile fino al 28 febbraio 2019. L'ingresso alla conferenza è libero fino ad esaurimento dei posti.
    Leggi tutto

  • Armando Pizzinato è una delle figure più intense del nostro ‘900: esponente di spicco dell’arte regionale, caratterizza le sue opere per una libertà di espressione a cui non volle mai rinunciare; ottiene premi e riconoscimenti nazionali e internazionali, ma mantiene sempre un saldo rapporto con il suo territorio d'origine; nelle sue opere grafiche utilizza tutte le tecniche conosciute. Ora La Triennale Europea dell’Incisione presenta al pubblico le opere del Maestro, accolte negli spazi di Casa Cavazzini, con la mostra 'Armando Pizzinato 1910-2004. La grafica.' Nelle immagini, le opere: Uomo che beve (1958) e Pittore e modella (1942)
    Leggi tutto

  • Un breve video del momento di un recupero nell'esercitazione della Protezione Civile al Museo #Archeologico di Udine
    Leggi tutto

  • Stamane al nostro Museo #Archeologico 51 volontari di protezione civile si son presi cura dei nostri reperti e opere artistiche in una esercitazione sulla movimentazione, l’imballaggio, il trasporto di reperti e la gestione dei depositi temporanei in caso di emergenza. Con la nostra Conservatrice del Museo Archeologico e il personale tecnico-scientifico della Soprintendenza (che ha coordinato le attività), sono stati simulati quattro diversi scenari che hanno coinvolto sia i depositi che l’esposizione permanente del Museo. Anfore antiche, vasi, monili, materiale lapideo e persino oggetti dello studio di Luigi Pio Tessitori sono stati movimentati, in parte imballati, e trasferiti in aree sicure del Museo, simulando un’emergenza. Proponiamo qui qualche immagine della giornata.
    Leggi tutto

  • ALLIEVI&MAESTRI: ECCO LE OPERE PREMIATE PER LA RASSEGNA DEDICATA A ISABELLA DEGANIS Delle 78 opere selezionate dalla rassegna Libro d'Artista “Come un racconto”, sono state scelte 9 opere provenienti dalle Università di Madrid e Barcellona, dall’Accademia delle Belle Arti di Bologna, dall’Atelier Manolibera di Carpi, dai Licei Artistici di Cortina d'Ampezzo e di Udine (con il nostro Liceo Sello)! Due menzioni speciali ex aequo e 4 segnalazioni per la Sezione ARTISTI 18-35 anni; una menzione speciale e due segnalazioni per la sezione Studenti. L'esposizione “Come un racconto” continua al Museo Etnografico del Friuli e potrete ancora visitarla fino al 2 dicembre 2018
    Leggi tutto

Presentazione catalogo mostra L'Offensiva di carta

5 gennaio 2018 ore 18.00 
Salone del Parlamento, Castello di Udine 

L'offensiva di carta 
La Grande Guerra illustrata, dalla collezione Luxardo al fumetto contemporaneo 
A cura di Giovanna Durì, Luca Giuliani e Anna Villari 
Silvana Editoriale, 2017 

A partire dal gennaio 1918, accanto alla “Grande Guerra”, se ne combatte una parallela, fatta di parole ma soprattutto di immagini. In questa le trincee sono scavate con il pennino, al posto del fango c’è la tempera e l’acquerello e le granate non spaventano perché esplodono come fossero grandi mazzi di rose. Al comando di questo esercito non troviamo generali ma intellettuali che dettano le direttive a scrittori, disegnatori, artisti e umoristi, che a loro volta governano una truppa di grafici, incisori e tipografi. In questo volume si traccia un percorso: dal progetto del “Servizio Propaganda” (detto Servizio P.) al suo risultato, visibile in una importante collezione di stampati della Prima Guerra Mondiale (la collezione Luxardo, conservata nei Civici Musei di Udine). Giornali per i soldati dove la battaglia si vince con giochi, concorsi a premio, fantasia e colori e dove vediamo nascere l’immaginario futuro raccontato anche attraverso contributi di scrittori e autori contemporanei del fumetto e dell’animazione.

Oltre ai saggi dei Curatori, il volume contiene interventi e articoli di: Marco Belpoliti, Paola Bristot, Lucio Fabi, Goffredo Fofi, Michele Fusetti, Lucia Violetta Gasti, Gian Luigi Gatti, Furio Honsell, Mario Isnenghi, Fernando Orlandi, Claudio Piersanti, Giulia Qualizza, Marco Rapposelli, Tiziana Ribezzi, Eleonora Sovrani.

Location da vivere

Spazi ricchi di storia, funzionali e versatili. I CIVICI MUSEI DI UDINE sono la location adatta ad accogliere eventi di vario tipo, perfetti per soddisfare ogni tipo di esigenza.

PRENOTA IL TUO SPAZIO