Questo sito si avvale di cookie tecnici, di cookie analitici e di altri cookie, anche di terze parti, necessari per il funzionamento, per interagire con social network e per usufruire di servizi offerti dal sito. Chiudendo questo banner o accedendo a un'altra pagina del sito acconsenti all’uso dei cookie. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Per saperne di piu'

Approvo

Ultimi post

  • #countdwn - 3 al primo giorno di #primavera! Udine, inizio '900. Questa foto racconta di una gita in calesse fuori porta in una giornata primaverile e fa parte della collezione che Luigi e Andreina Ciceri donarono al MEF - Museo Etnografico del Friuli. I coniugi Ciceri, per illustrare e documentare la vita e le tradizioni popolari, raccolsero ogni genere di materiali: oggetti e opere d’arte, fotografie e notizie, curando anche la pubblicazione di diversi volumi di racconti e di arte popolare.
    Leggi tutto

  • #countdown - 4 al primo giorno di primavera! Vuoi dare con noi il tuo benvenuto alla Primavera? Vieni a scoprire le opere dei Civici Musei di Udine che raccontano le stagioni o rappresentano i paesaggi e, se ti va, citale qui nei commenti! Qui proponiamo "Terra in fiore", l'omaggio di Beppe Ciardi alla primavera e alla vita. Uno scorcio di natura, probabilmente di una zona trevigiana ben conosciuta al Ciardi, che rappresenta una prima presa di distanza dal paesaggismo veneziano tardo-ottocentesco. Pur nel suo impianto verista, il quadro è realizzato infatti con una pittura di macchia ed il titolo pare anche incoraggiare una interpretazione simbolista (la ragazza in primo piano "personifica" la terra fiorita).
    Leggi tutto

  • Grazie a ERT FVG ritorna "Note in Castello": il ciclo di concerti delle eccellenze della musica regionale, nazionale e internazionale. Vi aspettiamo domani 16 marzo alle ore 18.00 nel bellissimo Salone del Parlamento del Castello di Udine!
    Leggi tutto

  • I sistemi tridimensionali risalgono alla seconda metà dell'800: allora si chiamavano stereoscopie, ma l'effetto era comunque quello di "entrare" nelle immagini, quasi a toccare con mano le cose, sentendosi in quel luogo in quel preciso momento. Oggi, nell’era delle nuove tecnologie, questi strumenti ci permettono di raccontare al meglio il mondo antico: le immagini in 3D sono fantastiche per studiare, valorizzare e diffondere opere dell'antichità! Qui siamo al Museo Archeologico mentre vengono realizzate alcune immagini 3D dei nostri reperti.
    Leggi tutto

  • PANE E ALFABETO | MEF - Museo Etnografico del Friuli | WORK IN PROGESS Dalla ricerca di Gaetano Vinciguerra nasce al #MEF un nuovo percorso dedicato alle scuole elementari comunali di Udine dal 1866 al 1933. Stiamo infatti allestendo la nostra playroom con un racconto che spazierà dall'edilizia scolastica di quegli anni all'innovazione della didattica, dal tema dell'assistenza scolastica ai problemi della refezione scolastica per i più poveri, senza trascurare i progetti a quel tempo realizzati per togliere i bambini dalla strada. Il 29 marzo alle 16.30 vi aspettiamo all'inaugurazione! Segnate in calendario ;-)
    Leggi tutto

Il trasporto del legno. Tecniche tradizionali

Il trasporto del legno. Tecniche tradizionali 
di Arrigo Martinis, Pietro Piussi e Tiziana Ribezzi 

In questa pubblicazione pubblicata dal Museo Etnografico del Friuli, si affronta il tema dell’esbosco e delle tecniche di trasporto del legno, che tradizionalmente avveniva “per terra, per acqua e per aria”.
L’esbosco è la prima fase del trasporto, dal letto di caduta dell’albero fino al luogo da cui ha inizio lo spostamento del legname con altri mezzi. Per via di terra il trasporto avveniva a dorso d’uomo (o di donna) per trascinamento, con slitte, carri e animali da tiro, per gravità, lungo canali come le rìsine.
La fluitazione, grazie alla forza della corrente, è una tecnica di trasporto dei tronchi per via idrica di origini antichissime, effettuata su lunghe distanze. I corsi d’acqua costituivano, fino alla costruzione della rete ferroviaria, l’unica via percorribile per il legname. La zattera, formata da toppi, travi oppure tavole, era il mezzo con cui avveniva il trasporto del legname dal punto in cui il corso d’acqua consentiva la navigazione.
Il percorso delle zattere era lungo un centinaio di chilometri ed il viaggio aveva luogo in primavera, dopo le piene che segnavano lo scioglimento della neve, o in autunno. Si partiva da Socchieve, Ovaro, Arta o Dogna per raggiungere Latisana, possibilmente in giornata, se non subentravano ostacoli o incidenti.
Il trasporto per via aerea, indipendente dalle influenze del terreno e delle condizioni atmosferiche, consente al carico – generalmente di dimensioni contenute - di scorrere su una fune che congiunge il bosco con il piazzale di raccolta o di segheria: avveniva tramite filo a sbalzo o teleferica con il “sistema Valtellina”.

Presso il Museo la sala dedicata al “Lavoro in bosco” descrive le modalità con cui gli alberi venivano abbattuti, sramati, depezzati e scortecciati con i metodi tradizionali in uso fino alla metà del secolo scorso. La fase successiva del lavoro forestale riguarda come il legno così raccolto veniva trasportato, per essere poi lavorato e utilizzato.

Location da vivere

Spazi ricchi di storia, funzionali e versatili. I CIVICI MUSEI DI UDINE sono la location adatta ad accogliere eventi di vario tipo, perfetti per soddisfare ogni tipo di esigenza.

PRENOTA IL TUO SPAZIO