Questo sito si avvale di cookie tecnici, di cookie analitici e di altri cookie, anche di terze parti, necessari per il funzionamento, per interagire con social network e per usufruire di servizi offerti dal sito. Chiudendo questo banner o accedendo a un'altra pagina del sito acconsenti all’uso dei cookie. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Per saperne di piu'

Approvo

Ultimi post

  • #domenichedinverno Ai Civici Musei di Udine a febbraio porte aperte e ingresso gratuito ogni domenica. Dalle 10 alle 18 potrai visitare gratuitamente ➡️Casa Cavazzini ➡️Museo Archeologico (Castello) ➡️Galleria d'Arte Antica (Castello) ➡️Museo del Risorgimento (Castello) ➡️Museo Etnografico del Friuli Domani 17 febbraio è #domenicadinverno ... passa a trovarci!
    Leggi tutto

  • Le piante sono intelligenti? Sono capaci di comunicare fra loro e con gli altri organismi? In che modo? Quali sono i rapporti con gli altri esseri viventi? Postiamo qualche immagine dal Palazzo della Regione dove è in corso la conferenza di Stefano Mancuso. #Darwinday2019
    Leggi tutto

  • Conferenza | Una storia che ci appartiene...come l'ombra alla luce | 23 Febbraio ore 10.00 Il 23 febbraio vi aspettiamo al Salone del Parlamento dei #CiviciMusei: assieme a relatori tedeschi e italiani affronteremo la drammatica storia della psichiatria durante i momenti storici nazionalsocialista e fascista.
    Leggi tutto

  • In occasione della mostra “Una città dentro la Guerra. Udine 1914 – 1918”, venerdì 22 febbraio alle ore 16 il MEF - Museo Etnografico del Friuli propone la conferenza gratuita "Vivi in timp di vuere - Vivere in tempo di guerra. Gli udinesi tra il 1914 e il 1918". Giancarlo Martina racconterà la vita degli udinesi tra il 1914 e il 1918.
    Leggi tutto

  • DIDATTICA| LABORATORIO | MUSEO ARCHEOLOGICO Recipienti, oggetti, manufatti - ceramici e non - risalenti al Neolitico da scoprire e da TOCCARE! Sabato 23 febbraio alle 15.00 si terrà “Di terra e di fuoco”, il laboratorio per bimbi 6/11 anni che permette di stabilire un contatto multisensoriale con i reperti, entrare in sintonia con gli antichi e scoprire il rapporto tra forma, dimensione e funzione dei manufatti. Per partecipare è necessario prenotare entro le ore 17.00 di venerdì 22 febbraio https://bit.ly/2DvnNBR
    Leggi tutto

Arte/Non Arte. Omaggio a Renato Calligaro

Lunedì 23 ottobre 2017 alle ore 15.00 in collaborazione con il Festival Mimesis, Casa Cavazzini ospiterà un incontro che avrà per protagonisti l’artista Renato Calligaro insieme al critico d’arte Riccardo Caldura dell’Accademia di Belle Arti di Venezia e ad Alessandro Del Puppo, storico dell’arte e docente presso l’Università di Udine. Al termine dell’incontro, al primo piano del museo, verrà inaugurata la mostra “Arte/Non Arte. Omaggio a Renato Calligaro” che rimarrà aperta al pubblico fino al 7 gennaio 2018. L’esposizione raccoglie una selezionata serie di opere pittoriche di Renato Calligaro e sintetizza visivamente quelle che sono le sue convinzioni teoriche in riferimento alla “morte dell’arte” e al futuro di un linguaggio espressivo che affida alla capacità “narrativa” delle forme la propria capacità di rinnovarsi.


Nato a Buja (Udine) nel 1928, Renato Calligaro ha trascorso l'infanzia e la giovinezza alternando permanenze in Italia, Argentina e Brasile. Dopo l'esperienza della guerra vissuta in Friuli, nel 1946 si è trasferito nuovamente a Buenos Aires per frequentarvi la Facoltà di Architettura. Pittore e scrittore, Calligaro ha individuato nella pittura il suo linguaggio privilegiato, unendovi l’attività di illustratore e fumettista che ha accompagnato tutto il suo percorso professionale.
A partire dagli anni Sessanta la sua ricerca artistica si concentra nello sviluppo della "narratività", non come illustrazione, ma in sequenze di forme inventate che si sviluppano l'una dall'altra formando il "racconto". Quella dei quadri/sequenza (di solito di cm. 242 x 60) è la modalità più comune attraverso la quale le sue opere pittoriche si presentano.
Nel 1967 egli inizia a dedicarsi al fumetto di satira, impropriamente chiamato "d'avanguardia", in cui sviluppa e rende visibili le problematiche formali della letteratura e della pittura del Novecento. Sono frutto di tale esperienza anche i cosiddetti "poemi" di testo e figure – di cui “Graf Zeppelin” è uno degli esempi esposti in mostra - dove viene creata una nuova dialettica fra testo scritto e immagine con una costante interscambiabilità tra i due livelli di comunicazione.
Sue vignette di satira e illustrazione sono state pubblicate in: Confronto, ABC, Linus, Alterlinus, Arcibraccio, Panorama, Espresso, La Repubblica (Satiricon), Vie Nuove, Manifesto, Lotta Continua, Reporter, Le Monde.

 

Location da vivere

Spazi ricchi di storia, funzionali e versatili. I CIVICI MUSEI DI UDINE sono la location adatta ad accogliere eventi di vario tipo, perfetti per soddisfare ogni tipo di esigenza.

PRENOTA IL TUO SPAZIO