Questo sito si avvale di cookie tecnici, di cookie analitici e di altri cookie, anche di terze parti, necessari per il funzionamento, per interagire con social network e per usufruire di servizi offerti dal sito. Chiudendo questo banner o accedendo a un'altra pagina del sito acconsenti all’uso dei cookie. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Per saperne di piu'

Approvo

Ultimi post

  • #countdwn - 3 al primo giorno di #primavera! Udine, inizio '900. Questa foto racconta di una gita in calesse fuori porta in una giornata primaverile e fa parte della collezione che Luigi e Andreina Ciceri donarono al MEF - Museo Etnografico del Friuli. I coniugi Ciceri, per illustrare e documentare la vita e le tradizioni popolari, raccolsero ogni genere di materiali: oggetti e opere d’arte, fotografie e notizie, curando anche la pubblicazione di diversi volumi di racconti e di arte popolare.
    Leggi tutto

  • #countdown - 4 al primo giorno di primavera! Vuoi dare con noi il tuo benvenuto alla Primavera? Vieni a scoprire le opere dei Civici Musei di Udine che raccontano le stagioni o rappresentano i paesaggi e, se ti va, citale qui nei commenti! Qui proponiamo "Terra in fiore", l'omaggio di Beppe Ciardi alla primavera e alla vita. Uno scorcio di natura, probabilmente di una zona trevigiana ben conosciuta al Ciardi, che rappresenta una prima presa di distanza dal paesaggismo veneziano tardo-ottocentesco. Pur nel suo impianto verista, il quadro è realizzato infatti con una pittura di macchia ed il titolo pare anche incoraggiare una interpretazione simbolista (la ragazza in primo piano "personifica" la terra fiorita).
    Leggi tutto

  • Grazie a ERT FVG ritorna "Note in Castello": il ciclo di concerti delle eccellenze della musica regionale, nazionale e internazionale. Vi aspettiamo domani 16 marzo alle ore 18.00 nel bellissimo Salone del Parlamento del Castello di Udine!
    Leggi tutto

  • I sistemi tridimensionali risalgono alla seconda metà dell'800: allora si chiamavano stereoscopie, ma l'effetto era comunque quello di "entrare" nelle immagini, quasi a toccare con mano le cose, sentendosi in quel luogo in quel preciso momento. Oggi, nell’era delle nuove tecnologie, questi strumenti ci permettono di raccontare al meglio il mondo antico: le immagini in 3D sono fantastiche per studiare, valorizzare e diffondere opere dell'antichità! Qui siamo al Museo Archeologico mentre vengono realizzate alcune immagini 3D dei nostri reperti.
    Leggi tutto

  • PANE E ALFABETO | MEF - Museo Etnografico del Friuli | WORK IN PROGESS Dalla ricerca di Gaetano Vinciguerra nasce al #MEF un nuovo percorso dedicato alle scuole elementari comunali di Udine dal 1866 al 1933. Stiamo infatti allestendo la nostra playroom con un racconto che spazierà dall'edilizia scolastica di quegli anni all'innovazione della didattica, dal tema dell'assistenza scolastica ai problemi della refezione scolastica per i più poveri, senza trascurare i progetti a quel tempo realizzati per togliere i bambini dalla strada. Il 29 marzo alle 16.30 vi aspettiamo all'inaugurazione! Segnate in calendario ;-)
    Leggi tutto

Verbovisioni

Mercoledì 7 giugno ore 17.00 
Casa Cavazzini 

Presentazione dei due volumi (esposizione e atti dei due incontri di studio) delle iniziative tenutesi all’Accademia di Belle Arti di Venezia.
La relazione fra parola e immagine ha toccato profondamente la filosofia, la letteratura, le arti visive e riguarda la nostra stessa quotidianità, ormai permeata dal costante utilizzo delle risorse della rete e dei social network. Le parole non si limitano, da tempo, al commentare le immagini, piuttosto tendono a far tutt’uno con queste ultime. Perché una parola è anche suono e forma, non solo portatrice ‘invisibile’ di significati.

Comprendere questo nesso implica risalire alla sperimentazione delle avanguardie storiche (fra futurismo e dadaismo), considerare la ripresa di quella sperimentazione negli anni ’60 e ’70 (da cui il fenomeno della poesia visiva, che ha avuto una notevole rilevanza per tutto il Nord est), e soprattutto riflettere criticamente su quel che sta accadendo nella comunicazione contemporanea.
Verbovisioni è il tentativo di mettere a fuoco questa complessa tematica, tentativo concretizzatosi in un progetto espositivo fatto di opere di artisti che hanno avuto e hanno tuttora una relazione non occasionale con l’Accademia di Belle Arti di Venezia: allievi, ex-allievi, docenti ex-docenti. Nel periodo durante il quale si è svolta l’esposizione - al Magazzino del Sale 3, sede per le mostre dell’Accademia a Venezia - sono stati organizzati anche due incontri di studio, che hanno coinvolto diversi studiosi e artisti, in qualità di relatori.
Le due pubblicazioni ricavate da queste esperienze, espositiva e convegnistica, vengono presentati a Casa Cavazzini, in un incontro al quale parteciperanno: Luigi Viola, artista ed ex-docente, Carlo Marcello Conti, editore e poeta, Tiziano Possamai, filosofo e docente, Marotta & Russo artisti e docenti, Luca Taddio, filosofo e coeditore della casa editrice Mimesis che ha pubblicato i due volumi, Riccardo Caldura docente e curatore del progetto Verbovisioni, Vania Gransinigh responsabile di Casa Cavazzini.

Verbovisioni – Esperienze fra parola e immagine all’Accademia di Belle Arti di Venezia. Mimesis 2017.
Opere di: artway of thinking, Bianco-Valente, Marko Bjelacevic, Sara Campesan, Luca Clabot, Camilla Dal Maso, Riccardo De Marchi, Franco Del Zotto Odorico, Elisabetta Di Maggio, Giulia Filippi, Roberta Franchetto, Gabriele Frigimelica, Aldo Grazzi, Antonio Guiotto, Roberta Iachini, Giulia Incani, Laure Keyrouz, Maria Lai, Marotta & Russo, Laura Martina, Alice Musi, Maria Elisabetta Novello, Alice Palamenghi, Simon Perathoner, Sara Trabucco, Luigi Viola.

Verbovisioni – Due incontri all’Accademia di Belle Arti di Venezia, Mimesis 2017
Testi di: Luigo Bonotto, Riccardo Caldura, Pier Luigi Capucci, Carlo Marcello Conti, Agostino Contò, Alessandro Di Chiara, Luca Farulli, Giobatta Meneguzzo, Patrizio Peterlini, Francesco Poli, Stefania Portinari, Tiziano Possamai, elisa Prete, Sandro Sproccati, Nico Stringa, Luca Taddio, Antonello Tolve, Luigi Viola.

Location da vivere

Spazi ricchi di storia, funzionali e versatili. I CIVICI MUSEI DI UDINE sono la location adatta ad accogliere eventi di vario tipo, perfetti per soddisfare ogni tipo di esigenza.

PRENOTA IL TUO SPAZIO