Questo sito si avvale di cookie tecnici, di cookie analitici e di altri cookie, anche di terze parti, necessari per il funzionamento, per interagire con social network e per usufruire di servizi offerti dal sito. Chiudendo questo banner o accedendo a un'altra pagina del sito acconsenti all’uso dei cookie. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Per saperne di piu'

Approvo

Ultimi post

  • Se non avete ancora visitato la mostra “Valcellina Collection” vi ricordiamo che domenica 1 settembre sarà l’ultimo giorno di apertura della rassegna. Se vi piace l'arte contemporanea e vi incuriosisce la fusione arte/tessile, questa mostra ne è una bellisssima rappresentazione!
    Leggi tutto

  • “Medusa” di Galileo Chini è un'opera del 1906 che trovate a Casa Cavazzini. L'artista rappresenta la mitica creatura in tutta la sua mostruosità, a partire dal volto incorniciato da un groviglio di serpenti e dalle ali dispiegate che sostengono il capo sospeso in volo.
    Leggi tutto

  • L’ACQUA. SEGUIAMO IL SUO PERCORSO. Un itinerario per grandi e piccoli focalizzato sulle ampie valenze che ruotano intorno all’acqua. Acqua come risorsa; acqua fonte di sostentamento, acqua bene per l’uomo e le sue attività. Ma acqua anche nei suoi significati sacri e simbolici. L’appuntamento è per mercoledì 28 agosto alle ore 15 al Museo Etnografico del Friuli (ingresso libero).
    Leggi tutto

  • BUON FERRAGOSTO A TUTTI! Ferragosto era un’antica festa della Roma imperiale. Fu infatti istituita dall'imperatore Augusto nel 18 a.C. e traeva origine dalla tradizione dei Consualia, feste che celebravano la fine dei lavori agricoli, dedicate a Conso, dio della terra e della fertilità. Ma il 15 agosto si celebra anche l’Assunzione di Maria, una delle più antiche feste mariane. Questa Assunta, olio su Tela di Nicola Grassi (1862 – 1748) è esposta alla Galleria d’Arte Antica di Udine. L’opera era conservata nella Chiesa Maria Maddalena dei Filippini, demolita nei primi anni del Novecento.
    Leggi tutto

  • Il Museo Etnografico del Friuli conserva una importante raccolta di sculture lignee di circa 70 pezzi. Oggi potete ammirare alcune di queste opere ristrutturate nella sala ad esse dedicata.
    Leggi tutto

Ruedis_ruote di confine

Sabato 27 maggio alle 16 al Castello di Udine va in scena la danza contemporanea di Ruedis_Ruote di confine della compagnia Arearea, in una riedizione short che coinvolgerà le sale espositive della mostra “L’offensiva di carta. La Grande Guerra illustrata, dalla collezione Luxardo al fumetto contemporaneo”.
Un evento che abbina le cifre stilistiche di due anime della città: da un lato l’arte visiva del fondo Luxardo, patrimonio dei Civici Musei che con i suoi oltre 5600 fascicoli è una delle raccolte più complete al mondo sulla propaganda nella Prima Guerra Mondiale, dall’altro l’arte coreutica degli udinesi Arearea che con questo spettacolo hanno pedalato in tour nei luoghi della Grande Guerra.


Inserito nel progetto triennale “museo in danza” ed evento collaterale della mostra in corso al Castello di Udine, lo spettacolo si svolgerà su due turni, alle 16.00 e alle 16.45.

Ruedis Short gioca con l’immagine del ready-made di Marchel Duchamp (la sua famosa ruota di bicicletta): su telai dei primi del Novecento e incalzati da musiche – suonate dal vivo - di inspirazione futurista, la compagnia porta all’estremo l’elogio del dinamismo che ha spinto il mondo intero dritto alla guerra. Esaltazione, patriottismo e gloria hanno travolto milioni di esseri umani. Cinque i danzatori che ricercano, in quel frastuono, l’affermazione della vita, la bellezza dell’incontro con l’altro, la pace.
Lo spettacolo si innesta nelle sale della mostra imperniata sulla collezione Luxardo, promossa dal Comune di Udine - Civici Musei, con il sostegno della Presidenza del Consiglio dei Ministri - Struttura di missione per gli Anniversari di interesse nazionale, della Regione Friuli Venezia Giulia e con il contributo della Fondazione Friuli. Curata da Giovanna Durì, Luca Giuliani, Anna Villari, con la collaborazione di Sara Codutti e Fernando Orlandi, tratta di una guerra fatta di parole e immagini, combattuta sul fronte della propaganda. Uno sforzo titanico, se si considera che nei soli ultimi mesi del conflitto si contarono in Italia circa 62 milioni di riviste, cartoline, manifesti e bollettini scambieti al fronte, sganciati sulle linee nemiche o diffusi all’interno del Paese.

Informazioni e prenotazioni biglietti dello spettacolo Ruedis_ruote di confine Short: Lo Studio, via Fabio di Maniago 15, 33100, Udine. Dal lunedì al venerdì 15.30 - 19.30. Tel. 0432 600424 - Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

www.arearea.it

Location da vivere

Spazi ricchi di storia, funzionali e versatili. I CIVICI MUSEI DI UDINE sono la location adatta ad accogliere eventi di vario tipo, perfetti per soddisfare ogni tipo di esigenza.

PRENOTA IL TUO SPAZIO