Questo sito si avvale di cookie tecnici, di cookie analitici e di altri cookie, anche di terze parti, necessari per il funzionamento, per interagire con social network e per usufruire di servizi offerti dal sito. Chiudendo questo banner o accedendo a un'altra pagina del sito acconsenti all’uso dei cookie. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Per saperne di piu'

Approvo

Ultimi post

  • Fino a domenica 24 marzo puoi visitare la mostra sulla Grande Guerra, allestita al MEF - Museo Etnografico del Friuli. Un pezzo di storia di vita udinese durante gli anni difficili del primo conflitto mondiale: il quotidiano di una città militarizzata, la devastazione recata da bombardamenti e incendi, la condizione delle donne, degli esuli, degli orfani, dei prigionieri, il problema delle scuole, l'offesa al patrimonio storico e artistico.
    Leggi tutto

  • 19 marzo | San Giuseppe artigiano, patrono degli artigiani Danno valore anche alle più piccole opere dell’uomo, sono i garanti delle tradizioni locali, sono gli artisti del restauro e i riparatori degli oggetto di uso quotidiano. Oggi son protagonisti di un nuovo movimento basato sulla manualità, la tecnologia, la collaborazione, il design e la sostenibilità. SONO GLI ARTIGIANI! Nel giorno della festa del patrono, dedichiamo loro alcune immagini di un recente passato proposte dal MEF - Museo Etnografico del Friuli
    Leggi tutto

  • #countdwn - 3 al primo giorno di #primavera! Udine, inizio '900. Questa foto racconta di una gita in calesse fuori porta in una giornata primaverile e fa parte della collezione che Luigi e Andreina Ciceri donarono al MEF - Museo Etnografico del Friuli. I coniugi Ciceri, per illustrare e documentare la vita e le tradizioni popolari, raccolsero ogni genere di materiali: oggetti e opere d’arte, fotografie e notizie, curando anche la pubblicazione di diversi volumi di racconti e di arte popolare.
    Leggi tutto

  • #countdown - 4 al primo giorno di primavera! Vuoi dare con noi il tuo benvenuto alla Primavera? Vieni a scoprire le opere dei Civici Musei di Udine che raccontano le stagioni o rappresentano i paesaggi e, se ti va, citale qui nei commenti! Qui proponiamo "Terra in fiore", l'omaggio di Beppe Ciardi alla primavera e alla vita. Uno scorcio di natura, probabilmente di una zona trevigiana ben conosciuta al Ciardi, che rappresenta una prima presa di distanza dal paesaggismo veneziano tardo-ottocentesco. Pur nel suo impianto verista, il quadro è realizzato infatti con una pittura di macchia ed il titolo pare anche incoraggiare una interpretazione simbolista (la ragazza in primo piano "personifica" la terra fiorita).
    Leggi tutto

  • Grazie a ERT FVG ritorna "Note in Castello": il ciclo di concerti delle eccellenze della musica regionale, nazionale e internazionale. Vi aspettiamo domani 16 marzo alle ore 18.00 nel bellissimo Salone del Parlamento del Castello di Udine!
    Leggi tutto

Placchette e Paci, l'elegante lavorazione dei metalli

Presso il Museo Etnografico del Friuli, nell’ambito delle iniziative di riscoperta – a rotazione – di piccoli nuclei delle raccolte, vengono esposte dal giorno 1 ottobre 2016 al 30 marzo 2017 una serie di placchette e paci di soggetto religioso e mitologico

Questi manufatti di epoca rinascimentale ebbero gran fortuna alla fine dell’Ottocento come fenomeno collezionistico erudito ed esclusivo. La prima definizione di placchetta (plaquette) è del 1878 e si deve a Eugène Piot in occasione dell'Expo di Parigi: si tratta di piccoli bassorilievi in bronzo dalle forme svariate utilizzati come elemento ornamentale per impreziosire mobili e cofanetti, l’elsa di spade, finimenti e berretti. I soggetti istoriati – immagini simboliche ma anche difficili da identificare – si rifanno a repertori di soggetti classici, di carattere storico e mitologico, molto in voga durante il Rinascimento.

Più conosciute sono le placchette di soggetto religioso, sia come semplici immagini devozionali, sia come strumenti liturgici. In quest’ultimo caso le paci, tavolette istoriate, prevalentemente di bronzo o dorate, generalmente montate su un supporto per impugnarle, venivano presentate dal sacerdote ai fedeli prima di distribuire la comunione. Infine, alcune placchette, di soggetto sia sacro sia profano erano utilizzate anche come elemento ornamentale nelle rilegature di libri.

Gli oggetti, la cui funzione era anche di diffondere idee figurative, erano di produzione seriale; l’autore provvedeva a una tiratura di circa 20 pezzi per ciascun soggetto

L’esposizione costituisce quindi l’occasione per scoprire un repertorio delle arti decorative e i motivi che ne hanno determinato la nascita e la diffusione.

paci MEF Civici Musei

Location da vivere

Spazi ricchi di storia, funzionali e versatili. I CIVICI MUSEI DI UDINE sono la location adatta ad accogliere eventi di vario tipo, perfetti per soddisfare ogni tipo di esigenza.

PRENOTA IL TUO SPAZIO