Questo sito si avvale di cookie tecnici, di cookie analitici e di altri cookie, anche di terze parti, necessari per il funzionamento, per interagire con social network e per usufruire di servizi offerti dal sito. Chiudendo questo banner o accedendo a un'altra pagina del sito acconsenti all’uso dei cookie. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Per saperne di piu'

Approvo

Ultimi post

  • Se non avete ancora visitato la mostra “Valcellina Collection” vi ricordiamo che domenica 1 settembre sarà l’ultimo giorno di apertura della rassegna. Se vi piace l'arte contemporanea e vi incuriosisce la fusione arte/tessile, questa mostra ne è una bellisssima rappresentazione!
    Leggi tutto

  • “Medusa” di Galileo Chini è un'opera del 1906 che trovate a Casa Cavazzini. L'artista rappresenta la mitica creatura in tutta la sua mostruosità, a partire dal volto incorniciato da un groviglio di serpenti e dalle ali dispiegate che sostengono il capo sospeso in volo.
    Leggi tutto

  • L’ACQUA. SEGUIAMO IL SUO PERCORSO. Un itinerario per grandi e piccoli focalizzato sulle ampie valenze che ruotano intorno all’acqua. Acqua come risorsa; acqua fonte di sostentamento, acqua bene per l’uomo e le sue attività. Ma acqua anche nei suoi significati sacri e simbolici. L’appuntamento è per mercoledì 28 agosto alle ore 15 al Museo Etnografico del Friuli (ingresso libero).
    Leggi tutto

  • BUON FERRAGOSTO A TUTTI! Ferragosto era un’antica festa della Roma imperiale. Fu infatti istituita dall'imperatore Augusto nel 18 a.C. e traeva origine dalla tradizione dei Consualia, feste che celebravano la fine dei lavori agricoli, dedicate a Conso, dio della terra e della fertilità. Ma il 15 agosto si celebra anche l’Assunzione di Maria, una delle più antiche feste mariane. Questa Assunta, olio su Tela di Nicola Grassi (1862 – 1748) è esposta alla Galleria d’Arte Antica di Udine. L’opera era conservata nella Chiesa Maria Maddalena dei Filippini, demolita nei primi anni del Novecento.
    Leggi tutto

  • Il Museo Etnografico del Friuli conserva una importante raccolta di sculture lignee di circa 70 pezzi. Oggi potete ammirare alcune di queste opere ristrutturate nella sala ad esse dedicata.
    Leggi tutto

La Culla: un nuovo allestimento nella sede del Museo Etnografico del Friuli

Nella sala del Museo Etnografico del Friuli dedicata alla "Tradizione del mobile", periodicamente vengono allestiti percorsi a rotazione sull’articolato tema della storia, delle tipologie e delle tecniche: ora il Museo propone una serie di culle fra passato e tempi non lontani che evidenziano la costante attenzione per questo elemento.

L'allestimento sarà visitabile fino al 30 aprile 2017.

Ogni cultura ha un rito di accoglimento di un nuovo nato: la culla - che individualizza il bambino e lo protegge - nasce per riprodurre la sensazione fetale del movimento, vissuta dal neonato. 

L'origine della culla non è egualmente diffusa in tutti i paesi del mondo; se guardiamo alla cultura europea, la culla è un oggetto antichissimo (dal latino cuna; cunarius o cunaria era la persona preposta a far dondolare la culla).
Il bambino conosce un graduale processo di integrazione sociale, in un legame costante con la madre che provvede alla protezione e alla crescita in sicurezza.  Da una parte deve essere assicurato il riposo del bambino che viene adagiato in un giaciglio, dall’altro la madre deve trovare il modo di agevolare il sonno del piccolo e nel contempo di proseguire nelle sue occupazioni e all’occorrenza provvedere allo spostamento o al trasporto.  

Accanto ai diversi modelli esposti figura anche una culla disegnata dall’arcitetto Ottorino Aloisio e realizzata dall’ Industria del vimini (Gervasoni) intorno al 1930

La prima infanzia era un periodo particolarmente vulnerabile. La precarietà della salute infantile, nonché i pericoli, molto diffusi nel passato e nelle classi popolari in particolare, richiedevano di mettere in atto una serie di misure contro i numerosi rischi che incombevano sui neonati: la caduta dalla culla, l’attacco da parte di animali, il rischio di incendio causato dal fuoco presso il quale veniva posizionata la culla per tenere il bambino al caldo.

Molti ex voto dipinti illustrano situazioni di scampato pericolo non infrequente.
La culla non doveva essere incustodita, era dipinta o decorata con colori scaramantici, addobbata da un corredo di oggetti protettivi da quelli religiosi agli amuleti.

Scarica la brochure di approfondimento.

Location da vivere

Spazi ricchi di storia, funzionali e versatili. I CIVICI MUSEI DI UDINE sono la location adatta ad accogliere eventi di vario tipo, perfetti per soddisfare ogni tipo di esigenza.

PRENOTA IL TUO SPAZIO