Pietre d’inciampo a Udine

Dal 26 gennaio all'8 marzo 2020

Gallerie del Progetto di Palazzo Morpurgo

Inaugurazione Domenica 26 gennaio ore 11.30

La mostra, curata da Anna Colombi e Silvia Bianco, attraverso un percorso che sottolinea l’importanza del nome, il significato di monumento e l’evoluzione del concetto di monumento, arriva a descrive il progetto Stolpersteine - Pietre d’inciampo dell’artista tedesco Günter Demnig.

Le Stolpersteine nascono da un progetto artistico ispirato da ragioni etiche, storiche, politiche, per essere strumenti contro il negazionismo e il revisionismo storico. Vogliono porsi come ostacolo alla cancellazione della memoria e al riemergere di ideologie e regimi che la Storia ha già condannato, ma che sembrano ancora attrarre vecchie e nuove generazioni.

La seconda parte della mostra racconta 10 vite, due deportati per motivi razziali e otto oppositori politici ai quali sono dedicate le pietre d’inciampo posate il 19 gennaio a Udine.

Il Progetto è realizzato dal Comune di Udine sotto l'Alto Patronato del Presidente della Repubblica, in collaborazione con ANPI - Associazione Nazionale Partigiani d'Italia, con il patrocinio di ANED - Associazione nazionale ex deportati nei campi nazisti , APO - Associazione Partigiani “Osoppo-Friuli”, IFML - Istituto Friulano per il Movimento di Liberazione, Associazione Italia-Israele del Friuli.

L’inaugurazione della mostra si collega alla rassegna "I Morpurgo. I discendenti degli ebrei di Maribor" (che inaugura a Palazzo d'Aronco alle ore 11.00 dello stesso giorno) realizzata dal Center judovske kulturne dediščine Sinagoga Maribor e ripercorre le vicende salienti dei Morpurgo attraverso tavole tematiche, a partire dalla comunità ebraica di Marpurch (o Marpurg o Marburg, cioè l’antica Maribor) dove, nel Trecento, conducevano soprattutto attività legate al prestito monetario e secondariamente al commercio, specie di vino. Una famiglia numerosa che nei secoli si è ramificata e trasferita in diversi paesi Europei tra i quali anche l’Italia. Troviamo discendenti dei Morpurgo nelle storia di Gradisca d’Isonzo, Gorizia, Trieste e Udine.

Orario di apertura
venerdì dalle 15.00 alle 18.00
sabato e domenica dalle 10.00 alle 12.00 e dalle 15.00 alle 18.00
Ingresso libero

 per Newsletter Shoah