Questo sito si avvale di cookie tecnici, di cookie analitici e di altri cookie, anche di terze parti, necessari per il funzionamento, per interagire con social network e per usufruire di servizi offerti dal sito. Chiudendo questo banner o accedendo a un'altra pagina del sito acconsenti all’uso dei cookie. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Per saperne di piu'

Approvo

Ultimi post

  • BUON FERRAGOSTO A TUTTI! Ferragosto era un’antica festa della Roma imperiale. Fu infatti istituita dall'imperatore Augusto nel 18 a.C. e traeva origine dalla tradizione dei Consualia, feste che celebravano la fine dei lavori agricoli, dedicate a Conso, dio della terra e della fertilità. Ma il 15 agosto si celebra anche l’Assunzione di Maria, una delle più antiche feste mariane. Questa Assunta, olio su Tela di Nicola Grassi (1862 – 1748) è esposta alla Galleria d’Arte Antica di Udine. L’opera era conservata nella Chiesa Maria Maddalena dei Filippini, demolita nei primi anni del Novecento.
    Leggi tutto

  • Il Museo Etnografico del Friuli conserva una importante raccolta di sculture lignee di circa 70 pezzi. Oggi potete ammirare alcune di queste opere ristrutturate nella sala ad esse dedicata.
    Leggi tutto

  • Ti trovi in città? Vieni a scoprire le nostre collezioni e a visitare le nostre mostre. Siamo aperti anche a Ferragosto! ;-) #MuseoArcheologico #GalleriaArteAntica #MuseodelRisorgimento #CasaCavazzini #MuseoEtnograficodelFriuli
    Leggi tutto

  • In questo "Giorno felice, la Prima Comunione" Joaquin Sorolla y Bastida si concentra sull’incontro tra la bambina in abito da prima comunione e i parenti che la attorniano. Un'opera del 1892 che rappresenta la fase iniziale del percorso artistico del pittore. Presentata nello stesso anno all’Esposizione Internazionale delle Belle Arti di Madrid, oggi arricchisce la collezione di Casa Cavazzini.
    Leggi tutto

  • Il Museo Etnografico del Friuli rinnova la sala “Luigi e Andreina Ciceri” e si arrichisce di ulteriori opere restaurate da Roberta Righini grazie al contributo della Fondazione Friuli. Fra le nuove sculture, la nobile immagine di Giuseppe di Arimatea, la piccola, raffinata Madonna col Bambino e un San Giovanni Battista.
    Leggi tutto

DONNE DEL GUJARAT. Foto di Livia Comandini

1 aprile - 27 maggio 2018 
Museo Etnografico del Friuli 

Inaugurazione 31 marzo ore 16.30 

Donne del Gujarat è una mostra di volti e colori, uno sguardo su un piccolo stato dell'India attraverso gli occhi di Livia Comandini.

Il Gujarat in esposizione è quello delle donne, come racconta la fotografa - architetto di origine triestina - nell'intervista rilasciata a Mila Cataldo (aprile 2017): “Ogni incontro è stata una piccola storia, è bellissima l’arte di fare ritratti. Riuscire a trovare persone disponibili ad avere uno scambio, tra culture così diverse, parlando lingue diverse”.

Orari di apertura e biglietti

Livia Comandini è andata alla ricerca del vero Guajarat, nei villaggi e nel deserto del Kutch, per incontrare le minoranze etniche e in particolare le donne e racconta "Hanno tutte (le donne) una incredibile dignità e tanta eleganza.

Per quanto povere, hanno una eleganza innata. Fanno mestieri faticosissimi, che fanno sudare, tanto; una di loro, per esempio, raccoglieva cotone sotto il sole. Invece di essere disfatta dal caldo e dalla fatica era tutta vaporosa, con indosso un foulard, sembrava uscita da una prima a teatro”.

La fotografa ha incontrato anziane, giovani, madri con bambine e vincendo la loro ritrosia, ha instaurato una simpatia empatica; spiega che le donne "si sono aperte e di alcune sono riuscita a scattare addirittura una sequenza di più foto. All'inizio mi guardavano infastidite, ma alla fine si aprivano, facendomi bellissimi sorrisi. E' qualcosa di straordinario ma non così insolito in India".

La mostra, propone circa 80 foto suddivise per tema in un percorso suggestivo che riporta all'incontro tra le donne e la loro terra, con particolare interesse verso le minoranze etniche che ancora esistono a margine di zone molto sviluppate, minoranze contraddistinte dai diversi monili, orecchini, tatuaggi e colori dell’abbigliamento.

La mostra è allestita assieme a Monica Giovinazzi, regista e performer romana ora residente a Vienna, dove è animatrice dell'Associazione culturale Rotehaare.

Location da vivere

Spazi ricchi di storia, funzionali e versatili. I CIVICI MUSEI DI UDINE sono la location adatta ad accogliere eventi di vario tipo, perfetti per soddisfare ogni tipo di esigenza.

PRENOTA IL TUO SPAZIO