Questo sito si avvale di cookie tecnici, di cookie analitici e di altri cookie, anche di terze parti, necessari per il funzionamento, per interagire con social network e per usufruire di servizi offerti dal sito. Chiudendo questo banner o accedendo a un'altra pagina del sito acconsenti all’uso dei cookie. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Per saperne di piu'

Approvo

Ultimi post

  • #CasaCavazzini Perché una mostra su un grande nome della Pop Art americana come James Rosenquist? Ce lo spiega la direttrice del museo Vania Gransinigh http://www.civicimuseiudine.it/it/mostre-eventi/21-casa-cavazzini/575-james-rosenquist-opere-su-carta-works-on-paper
    Leggi tutto

  • Oggi vi portiamo dentro la mostra "Prendiamo la parola". Con Quelli del '68 le esperienze dal '68 in Friuli Venezia Giulia", tra quotidiani, volantini e materiali d'epoca http://www.civicimuseiudine.it/it/mostre-eventi/23-gallerie-del-progetto/596-prendiamo-la-parola
    Leggi tutto

  • Il nostro viaggio fra gli angoli più suggestivi delle montagne italiane è iniziato: ci trovate alla Chiesa di San Francesco di Udine! UN PAESE MILLE PAESAGGI http://www.civicimuseiudine.it/it/mostre-eventi/63-chiesa-di-san-francesco/577-un-paese-mille-paesaggi
    Leggi tutto

  • Pochi giorni ancora (fino al 22 aprile) per visitare la mostra “Donne, madri, dee”, ammirare la Venere di Savignano (tra gli oggetti più significativi del Paleolitico italiano) e riflettere sulla figura femminile rappresentata dai primi cacciatori-raccoglitori (40.000-10.000 anni fa). Ma “Donne, madri, dee” permette anche di immergersi in una esplorazione tattile e in un racconto sonoro e visivo rivolto a tutti: abbiamo per questo seguito i principi del Design for All, progettato un percorso espositivo accessibile, ripensato il Museo Archeologico in un’ottica inclusiva ed aperta.
    Leggi tutto

  • Da venerdì 13 aprile arrivano gli incontri sul '68, tra teatro e musica, a Palazzo Morpurgo. Quelli del '68 Scopri il programma
    Leggi tutto

MATTOTTI. Primi lavori

Casa Cavazzini

dal 25 febbraio al 4 giugno 2017

Tutto si può raccontare, anche la realtà di una piccola provincia italiana. Questo è il preciso intento del giovane Lorenzo Mattotti che a Udine visse la prima formazione che, a sua volta, sarà raccontata nella mostra MATTOTTI. Primi lavori in arrivo dopo la seguitissima MATTOTTI. Sconfini in corso a Villa Manin fino al 19 marzo prossimo. La rassegna che si tiene a Casa Cavazzini – Museo di Arte Moderna e Contemporanea di Udine dal 25 febbraio al 4 giugno 2017 - è la premessa fondamentale per capire il lavoro di Lorenzo Mattotti, attualmente presentato a Villa Manin, secondo le intenzioni dell’ideatrice e curatrice Giovanna Durì e della co-curatrice Vania Gransinigh, conservatore di Casa Cavazzini.

La mostra di Udine offre una panoramica sulla produzione iniziale di Mattotti, incentrata sullo sguardo di un illustratore giovane entusiasta di poter cogliere e descrivere (con una narrazione ironica) quello che aveva intorno: i concerti perché forte era l’interesse per la musica, gli eventi sociali cui l’artista partecipava, ma anche l’emarginazione sociale e la malattia mentale. Udine, piccola città di provincia, aveva la stessa importanza di una grande città per Mattotti che anche qui poteva vivere esperienze fondamentali per la sua formazione di persona e di artista.

Ci troviamo, dunque, di fronte ad un giovane artista alla ricerca di un proprio stile, attratto quindi da figure/personaggi e situazioni spesso ai margini della società, molto caratterizzate, interessanti per essere raccontate attraverso fumetti con uno stile rapido che vuole cogliere realtà diverse e non “ufficiali”. L’occhio e l’atteggiamento sono quelli di un Mattotti apolide (pur con formazione udinese), abituato a vivere in posti diversi, incontrare e conoscere, appunto, realtà differenti.

Ne è un esempio il primo libro di Lorenzo Mattotti Alice Brum Brum, pubblicato con questo titolo nel 1977 e riproposto ora in tiratura ridotta in occasione della mostra udinese con il titolo che l’artista, insieme all’autore Jerry Kramsky, aveva scelto allora: La realtà è strabica, cambiato in quello poi diffuso dal primo editore (Ottaviano Editore).

Il ciclo di lavori selezionato per l’evento di Udine, tra cui anche alcune tavole di Alice Brum Brum/La realtà è strabica, è declinato attraverso fogli, fogliettini anche piccoli ed è esposto in uno spazio intimo e particolare di Casa Cavazzini dando modo così al visitatore di concentrarsi su quel focus preciso che ha per oggetto la mostra.

La mostra MATTOTTI. Primi lavori è prodotta dal Comune di Udine con l’ERPaC.

Regione Friuli Venezia Giulia
Villa Manin

 

Sponsor Tecnici:

Assi Udine
Fabriano
Fedrigoni
 
Filacorda
Moroso

Location da vivere

Spazi ricchi di storia, funzionali e versatili. I CIVICI MUSEI DI UDINE sono la location adatta ad accogliere eventi di vario tipo, perfetti per soddisfare ogni tipo di esigenza.

PRENOTA IL TUO SPAZIO