Questo sito si avvale di cookie tecnici, di cookie analitici e di altri cookie, anche di terze parti, necessari per il funzionamento, per interagire con social network e per usufruire di servizi offerti dal sito. Chiudendo questo banner o accedendo a un'altra pagina del sito acconsenti all’uso dei cookie. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Per saperne di piu'

Approvo

Ultimi post

  • Chi ricorda i fischietti? Un tempo venivano offerti nelle sagre e nelle fiere o venduti nelle bancarelle, oggi sono divenuti oggetti da collezione. Modellati nell’argilla, nelle diverse forme ispirate ad animali da cortile e ad uccellinio a strumenti musicali, venivano realizzati da artigiani che producevano altri manufatti o costruiti per passatempo Se soffi nel fischietto riempito d'acqua riproduci il cinguettio degli uccelli.... per i bimbi un gioco molto semplice e gradevole!
    Leggi tutto

  • Programmi per il weekend? Se ti va di scoprire la storia della produzione di materiali in terracotta in epoca romana e dei rapporti commerciali e culturali delle genti romane del Friuli, suggeriamo la visita alla mostra "Dalle mani del ceramista". Ci trovi al Museo #Archeologico di Udine dalle 10 alle 18.
    Leggi tutto

  • DOMENICA 21 LUGLIO ORE 11 | SYNTAGMA Ci ritroviamo in Castello a riflettere su "I suoni della città attraverso l’arte figurativa" accompagnati dalle musiche di Fabio Accurso, liuto e Alessandra Cossi, voce Oltre seicento anni di storia, dalla Galleria d’Arte Antica al Museo del Risorgimento, per percorsi visivi e sonori che si snodano nel corso dei secoli tra pratiche ed estetiche di mirabile bellezza.
    Leggi tutto

  • PAOLO ZANUSSI, DIPINTI E DISEGNI Disegnare e dipingere per lui sono molto più di un’attività, sono lo strumento per capire ed interloquire con la realtà e con il mondo. Fra un viaggio e l’altro non dimenticherà mai di fare ritorno nel suo Friuli per incontrare gli amici più cari e camminare sulle sue amatissime montagne. Un artista tutto da scoprire nella mostra "Paolo Zanussi, dipinti e disegni". A Casa Cavazzini fino al 15 settembre
    Leggi tutto

  • Domani 18 luglio alle 20.45 vi aspettiamo all'ultima proiezione di #Biomovies 2019 che vedrà protagoniste le grotte di Palawan La Venta". Saremo al parco del Museo Friulano di Storia Naturale #MFSN
    Leggi tutto

Adriatico senza confini

Via di comunicazione e crocevia di popoli nel 6000 a.C.

11 ottobre 2014 - 22 febbraio 2015

Il percorso espositivo intendeva far conoscere le più importanti acquisizioni di decenni di indagini archeologiche nell’Adriatico orientale, compiute da parte degli archeologi di Italia, Slovenia e Croazia Croazia. La mostra, nata nell’ambito dell’annuale Riunione Scientifica dell’Istituto Italiano di Preistoria e Prtotostoriae si è aperta sotto l’Alto Patronato del Presidente della Repubblica. L’esposizione era introdotta da una sezione dedicata ai ritrovamenti effettuati dal Museo Archeologico di Spalato all’isola di Pelagosa, l’isola più remota dell’Adriatico, ricordata su Repubblica da Paolo Rumiz nei suoi Racconti Estivi proprio nell’estate del 2014. Il ritrovamento di frammenti di ceramica risalenti al 6000 a.C. in quest’isola prova in tutta la sua eccezionalità la pratica della navigazione in un momento storico così remoto. Navigazione praticata in un mare che seppur piccolo e è estremamente insidioso, come racconta, Andrea Stella, velista, nell’intervista in mostra: difficile e pericoloso ora, figuriamoci allora quando il mare veniva attraversato da piroghe monossili dotate di stabilizzatori.

adriatico invito

La mostra è stata anche una incredibile opportunità per ammirare e confrontare materiali archeologici così antichi, ma già straordinariamente moderni nelle forme e nelle decorazioni. È infatti in questo momento che l’uomo da cacciatore raccoglitore diviene agricoltore e allevatore e realizza i primi recipienti in terracotta, nel 6000 a.C. primitivi e decorati con il margine delle conchiglie e solo 400 anni dopo finemente ornati da motivi curvilinei che ricordano le onde del mare. L’esposizione, che sperimentava per la prima volta l’accessibilità, con soluzioni che favoriscono la visita delle sale a persone con disabilità, era bilingue e poteva essere visitata con un operatore didattico anche in inglese, tedesco e sloveno.

Location da vivere

Spazi ricchi di storia, funzionali e versatili. I CIVICI MUSEI DI UDINE sono la location adatta ad accogliere eventi di vario tipo, perfetti per soddisfare ogni tipo di esigenza.

PRENOTA IL TUO SPAZIO