NOTE! This site uses cookies and similar technologies.

If you not change browser settings, you agree to it. Learn more

I understand

Last posts

  • #Udinestate2018 al #MFSN A partire dagli anni ’90 del secolo scorso il lupo sta riconquistando l’Europa, con conseguenze che interessano noi tutti sempre più da vicino: valorizzare, avvicinarsi e vivere storie di uomini e lupi può farci comprendere vecchi e nuovi problemi di convivenza negli ambienti in cui questo predatore vive e ha vissuto per millenni. Ne parleremo con Duccio Berzi (Canislupus Italia onlus) giovedì 19 luglio alle ore 20.45, nell’incontro “Il ritorno del Lupo: per una convivenza tra pastori e lupi”. L'incontro sarà anche l'occasione per presentare il libro del biologo Matteo lucani "Custodi erranti. Uomini e lupi a confronto". Ma le novità sul lupo non finiscono qui: dalle 20.30 alle 22 si gioca con le favole! Cari genitori, i vostri ragazzi dai 6 agli 11 anni scopriranno assieme a noi che, poi, i lupi non sono così cattivi come nei racconti. Ah si, cosa succederà non lo anticipiamo, ma ricordatevi di portare un calzino… ;-) Vi aspettiamo al Museo Friulano di Storia Naturale! Prenotazioni al n. 0432-1273211
    Read all

  • #annodelciboitaliano “Fu insigne specialmente ne’ fiori, e con molta verità ritrasse eziando frutti, erbaggi, pesci, cacciagioni”. Così Luigi Lanzi descrive Paoletti, pittore padovano che, verso la fine del ‘600, visse a Udine in casa dei conti Caiselli. Con il Paoletti si afferma in Friuli il genere della natura morta: e “Natura morta con formaggio e prosciutto” è l'opera che abbiamo scelto per voi e che potete ammirare nei nostri Civici Musei #GalleriaArteAntica
    Read all

  • #StoriedalMuseo Come nacquero le lampadine Malignani e, poi, la ditta "Arturo Malignani e Compagni? Tutto inizia con l’esperimento di illuminazione elettrica della ditta inglese Shepherd che installò in Piazza Contarena un sistema di fili di lampade Edison. Arturo Malignani ne fu molto attratto. Sapeva degli esperimenti di Edison e di Alessandro Cruto e sapeva che in Europa si andava verso l’illuminazione pubblica elettrica: decise così di costruire, nel suo stesso giardino, un laboratorio. Fu nel 1884 che Malignani presentò all’ing. Girolamo Puppati e ad altre personalità cittadine, la sua prima lampadina a incandescenza: in un’ampolla di vetro (realizzata da lui) aveva inserito un filo di grafite di tre centimetri che assicurava una luce più bianca, immobile e di intensità e durata doppia rispetto al filamento delle lampade di Cruto e di Edison. Nacque così la la fabbrica di lampade, accumulatori, motori e altri accessori elettrici “Arturo Malignani e Compagni”, con stabilimento sulla riva del colle del Castello. Le lampadine presentavano uno zoccolo a tronco di cono, perfettamente liscio, con una filettatura centrale, isolata dallo zoccolo con funzione di contatto elettrico e di fissaggio meccanico al portalampade. Il secondo polo andava a contatto con il tronco di cono, permettendone l’accensione. Ora queste primissime lampadine “Malignani” sono state donate al Museo Etnografico del Friuli dai Soci Enel (ex SFE): vi consigliamo di venire a trovarci ed ammirarne bellezza e innovazione ;-)
    Read all

  • Mirko, dopo un viaggio in Siria e Giordania, rientra in Italia con uno spirito creativo rinnovato da un senso del mito e del primordio: un senso che, nelle sue opere, assume la forma di antichi animali. Soprattutto leoni e chimere. Di questo periodo (1956 circa) è la “Chimera urlante” che, con la sua aggressività magico-sacrale, ben rappresenta le tensioni creative dell’artista udinese. #MirkoBasaldella #CasaCavazzini
    Read all

  • Il 7 Luglio anche i Civici Musei saranno fra i protagonisti della #NOTTEBIANCA2018! Con il Museo Friulano di Storia Naturale ritorna la “Bat Night”, stavolta ai Giardini del Torso dove gli appassionati di pipistrelli potranno ascoltarne le voci e studiarne gli spettrogrammi assieme agli zoologi del Museo (max 20 partecipanti per turno e prenotazioni allo 0432 1273211). Casa Cavazzini e Museo Etnografico del Friuli, saranno invece aperti gratuitamente dalle 20.30 alle 22 e propongono entrambi una visita guidata gratuita. Tutte le info sul sito
    Read all

Childbirth and Childbearing among the Friulian Peasantry Museums without BordersL'OFFENSIVA DI CARTA (The Paper Offensive)

Photo library

Photo library

The Udine City Museums’ photo library (Fototeca) is an essential point of reference for both local and international historians and scholars, providing access to  a vast array of photographs, negatives and plates (around 180,000 images in total)

The archives are constantly updated, as are all records relating to the city’s museums and records of local events. The main archive is the Archivio Friuli, which includes photographs relating to the entire region. Taken principally by  Friulian photographers (among them Malignani, Modotti, Torso, Antonelli, Brisighelli, Pignat, Ciol, and Viola),  these images depict landscapes, monuments, works of art, events, customs and traditions from the middle of the nineteenth century onwards.

One of the most important acquisitions was the Archivio Brisighelli, which was jointly purchased by Udine City Council and Provincial Authority of Udine in 1982. This includes much of the work realised by Attilio (1880-1966) and his son Giuseppe Brisighelli (1914-1988).

The interior of the photo library

In 1992, a further important acquisition was made, that of the Archivio Pignat, which records the work undertaken by the Pignat photo studio, which was one of the leading studios working in the city during the late nineteenth century and for most of the first half of the twentieth century. The images are the work of Luigi Pignat (1862-1915), who favoured portrait photography and who also initiated a photographic project recording works of art, and his son Carlo (1898-1966) who preferred photo-reportage, landscape, and later ecclesiastical architecture.

The photo library has also been entrusted with the nineteenth-century archives belonging to the Società Alpina Friulana (Friulian Alpine Society) and its own photographic archives bring together a rich array of images relating to the Civici Musei collections.

In 1993 a new cataloguing initiative was launched with the centro di catalogazione di Villa Manin and to date the SIRPAC database has published over 9,000 images online, which can be accessed at SIRPAC by clicking on  the "Beni Fotografia" tab under "Beni Culturali".

LIST OF ARCHIVES 

  • Friuli 
  • Brisighelli
  • Pignat 
  • Marchetti 
  • Valentinis 
  • Bujatti 
  • Del Torso
  • Valent 
  • Silvestri 
  • Bruschi 
  • Antonelli 
  • Peressi 
  • Fiorini 
  • Società Alpina Friulana

GENERAL  INFO RMATION

Fototeca
Castello di Udine, 3° piano
Tel. 0432 1272972
E mail: This email address is being protected from spambots. You need JavaScript enabled to view it.

SERVICES

The Fototeca offers the following services:

  • Access to the archives for consultation purposes on completion of a request form and on agreement to abide with the regulations.
  • The reproduction and reprinting of archived materials for research, study or publication purposes will be granted by the head librarian upon request,  in accordance with the list of published charges, provided that: the purpose for which the images will be used is expressly stated; that said purpose is in keeping with the aims of the Institute; and finally that the physical condition of the requested resources allows for such reproduction.
  • The loan of original vintage photographs stored in the Photo Library archives - strictly for exhibition initiatives only – provided that all the official requirements governing the exhibition of photographic and all other artworks are met. There shall be no loan of original photographs, plates, negatives or colour slides to scholars or otherwise, publishers, printers or cultural bodies and institutions.
  • Educational activities arranged through the Museums’ Educational Service.

OPENING HOURS

Monday to Friday morning: 9.00 -12.30
Monday afternoon: 14.30-17.00 by prior appointment only

Venues for hire

Rich in history, versatile, and fully functional, the CIVICI MUSEI in UDINE are the ideal place to hold special events such as conferences, meetings, and previews.

BOOK YOUR SPACE