NOTE! This site uses cookies and similar technologies.

If you not change browser settings, you agree to it. Learn more

I understand

Last posts

  • Se non hai ancora visitato la mostra sull'Elefante del Museo di Storia Naturale affrettati perchè domenica 30 giugno sarà l'ultimo giorno di esposizione alla Galleria Tina Modotti. Una mostra dai mille racconti: l' elefante; il simbolo del Museo; il terremoto del 1976, il restauro....
    Read all

  • Venerdì 28 giugno con il Museo Friulano di Storia Naturale la serata è tutta impegnata! Della visita guidata gratuita alla Galleria Modotti sapete già, vero? Giuseppe Muscio racconterà interessanti aneddoti e vicende dell'elefante protagonista dell'esposizione. Vi aspettiamo alle 18: prenotatevi perché i posti sono limitati! Al calar del sole, alle 21.00, ci vedremo invece al parco del Museo per la BAT NIGHT. Luca Lapini e Luca Dorigo ci faranno ascoltare le voci dei pipistrelli che volano sul Parco e studieremo gli spettrogrammi (rappresentazioni grafiche del suono di questi piccoli mammiferi) che verranno poi inviati ai partecipanti accompagnati da alcune informazioni sulle specie ascoltate e una loro foto. Iniziativa gratuita ma prenotazione obbligatoria. Sono previsti due gruppi di massimo 20 persone, uno alle 21.00 e uno alle 21.30 circa. Per prenotarvi: 0432 1273211 (solo mattina).
    Read all

  • GIOCHI DEL PASSATO | MUSEO ETNOGRAFICO DEL FRIULI E' arrivata l'estate, tradizionalmente stagione dei giochi. Ma come è cambiato nel tempo il modo di divertirsi giocando? In secoli andati si giocava, ad esempio, al "gioco dei castellani" che si ispira a una competizione atletica chiamata “Le fatiche di Ercole” o “Fatto – Disfatto” o, ancora, “Gioco della Torre”. I Castellani erano una fazione del ceto popolare di Venezia che si opponevano ai Nicolotti. Il gioco consisteva in una competizione di piramidi umane dove le due fazioni si misuravano in forza, equilibrio e agilità con vari gradi di difficoltà e sepsso con intento figurativo o allegorico. La stampa che rappresenta questo gioco fa parte della collezione Ciceri del Museo Etnografico del Friuli
    Read all

  • Il mondo romano nei reperti in terracotta, un laboratorio dove sperimentare e manipolare materiali, un'esposizione accessibile a tutti con postazioni multisensoriali... troverete tutto questo al Museo Archeologico di Udine visitando la mostra 'Dalle mani del ceramista. Materiali in terracotta nel Friuli romano'. Vi aspettiamo! P.S. La domenica è un ottimo giorno per venire a trovarci ;-)
    Read all

  • 21 giugno | SYNTAGMA - Itinerari d’arte musicale Pronti.... si parte! Il viaggio alla scoperta degli antichi capolavori sonanti dei Civici Musei farà la sua prima tappa al Museo Etnografico del Friuli oggi 21 giugno alle 17.00, sotto la guida del musicologo Alessio Screm. Con “Tracce e suoni della musica popolare” Tiziana Ribezzi ci guiderà tra le opere del Museo e Manuel d'Orlando ci accompagnerà ci accompagnerà con la sua fisarmonica
    Read all

L'OFFENSIVA DI CARTA (The Paper Offensive)

The Great War: an illustrated journey through time, from the Luxardo Collection to modern-day comics

Castello di Udine, March 31, 2017 - January 7, 2018

Exhibition sponsored by Udine City Council- Civic Museums department- with the support of Presidenza del Consiglio dei Ministri (The Presidency of the Council of Ministers) - Struttura di missione per gli Anniversari di interesse nazionale (Special Unit for Anniversaries of National Interest), the Regional Administration of Friuli Venezia Giulia, and with the cooperation of Fondazione Friuli.

Curated by Giovanna Durì, Luca Giuliani and Anna Villari,
with the collaboration of Sara Codutti and Fernando Orlandi

Throughout the blood soaked, muddy war of 1914 -1918, a parallel war was being waged, a war of words and powerful images. This exhibition documents that war, drawing on the unique heritage of the Luxardo Collection, which owes its name to the doctor from San Daniele del Friuli who, in the immediate aftermath of the war, gathered over 5600 files of magazines and monographs from the period.

The Collection, which belongs to the city’s Civic Museums, is highly representative of the body of materials produced during the war, not only in Italy but on all fronts involved in the conflict, and in all languages. On the Italian front, as elsewhere, these seemingly spontaneous instruments were being manipulated behind the scenes by the powerful “Servizio Propaganda” (Propaganda Office) and one of the key examples of this massive propaganda effort were the trench journals produced by those experiencing the conflict at first hand. By the end of the conflict, more than 62 million copies had been printed in Italy alone. Using every means at its disposal, this veritable ‘paper offensive’ fired round upon round of rallying proclamations, relentlessly repeated messages, incitements, imperious demands and cunningly worded ploys – anything that could restore confidence, resolve, and faith in victory.

Amidst the storytelling and crafted imagery, a new medium was breaking onto the scene: cinema, as the examples of American animation on show at the exhibition document.

The idea of juxtaposing this historical analysis with a section dedicated to the memory of the Great War seen through the eyes of some of its contemporary illustrators - Joe Sacco, Gipi, Manuele Fior, Jacques Tardi and Hugo Pratt – is an original one and offers an engaging addition to the exhibition.

MEDIA PARTNER

Telefriuli

Messaggero Veneto

Udinese TV

Venues for hire

Rich in history, versatile, and fully functional, the CIVICI MUSEI in UDINE are the ideal place to hold special events such as conferences, meetings, and previews.

BOOK YOUR SPACE